Quali effetti ha la Cannabis sul cervello

0
49
cervello erba

La cannabis danneggia il cervello? Lo aiuta? Quali sono gli impatti a lungo termine dell’erba? Diventeremo scemi? Alcune ricerche recenti hanno contribuito

Ti sei mai chiesto cosa faccia l’erba al tuo cervello? Nel caso non lo sapessi, i composti nella pianta della cannabis interagiscono direttamente con le cellule cerebrali, contribuendo sia agli effetti psicoattivi che terapeutici della pianta. Ma questi effetti sono dannosi per la nostra salute o meno? La cannabis causa cambiamenti duraturi nel nostro cervello? I ricercatori hanno appena iniziato a scoprire i misteri della cannabis e del cervello, ma ecco un breve riassunto di alcuni dei risultati che finora sono stati pubblicati.

Perché la cannabis ha effetti sul cervello?

La cannabis colpisce il cervello impegnando speciali siti recettori delle cellule. Questi recettori sono chiamati recettori cannabinoidi, un nome ispirato alla pianta di cannabis. Già! Lo avreste mai detto?

La pianta di cannabis produce composti chimici (fitocannabinoidi) che prendono il posto di composti simili che i corpi umani creano naturalmente (endocannabinoidi).

Il principale psicoattivo della cannabis, il tetraidrocannabinolo (THC), ha un effetto psicotropico a causa del modo in cui esso si aggancia con i recettori cannabinoidi nel cervello.

Mentre i ricercatori stanno ancora lavorando per riuscire a scoprire il mistero su come la cannabis influisca universalmente sulla mente e sul corpo, è noto che questi recettori si trovano in parti del sistema nervoso centrale che controllano:

  • funzioni motorie
  • memoria
  • umore
  • paura
  • piacere
  • dolore

I recettori della cannabis si trovano anche ampiamente in tutto il nostro corpo, contribuendo così nella comunicazione tra il nostro sistema nervoso centrale e il resto del corpo. Alcuni esperti descrivono il sistema endocannabinoide come il più grande sistema di neurotrasmettitori nell’uomo.

Passiamo al succo della questione: come funziona la cannabis sul cervello?

Quando i consumatori di cannabis fumano o ingeriscono la cannabis, i composti nell’erba vanno ad inserirsi nel sistema endocannabinoide per produrre tutti quelli che sono possibili effetti terapeutici. Poiché l’ECS regola una gamma estremamente ampia di funzioni corporee, i composti della cannabis hanno ovviamente una vasta gamma di potenzialità terapeutiche.

Nel sistema endocannabinoide, infatti, uno dei suoi ruoli principali nel cervello è quello di regolare la funzione dei neurotrasmettitori del nostro cervello e di nuovo, se c’è troppo di un tipo di neurotrasmettitore lo farà diminuire, se ce n’è troppo poco lo farà aumentare.

In parole povere quindi il sistema endocannabinoide è una grande rete di regolamentazione che lavora per riuscire a creare un equilibrio ottimale nella mente e nel corpo. Quando arrivano composti come il THC o il secondo cannabinoide più popolare in circolazione, il cannabidiolo (CBD), che vanno ad interagire con l’ECS, l’equilibrio del sistema cambia nel suo insieme.

I ricercatori ipotizzano anche che un’ampia varietà di condizioni fisiche patologiche possono essere causate da una mancanza di equilibrio del sistema endocannabinoide.

Diversi disturbi dell’umore e della salute mentale sono stati anche collegati a possibili squilibri del sistema endocannabinoide. In un articolo del 2016, Russo ipotizza brevemente che condizioni come PTSD e disturbo bipolare possano coinvolgere l’ECS. Si ritiene inoltre che siano coinvolti disturbi fisici come la fibromialgia, l’emicrania e la sindrome del colon irritabile.

Alcuni ricercatori britannici, inoltre, hanno anche scoperto che alcuni composti della cannabis possono alleviare l’ansia e il disagio psicotico in pazienti con schizofrenia resistente ai trattamenti.

mente cannabis

Come funziona nel nostro cervello?

Se i composti della cannabis possono attaccare le cellule del cervello, cosa ti fa effettivamente l’erba? Sfortunatamente, c’è ancora molto da imparare su come la pianta di cannabis operi con la sua magia in tutto il corpo e la mente.

Tuttavia, la ricerca negli ultimi cinque anni ha potuto far luce su quelli che sono i diversi pro e contro della cannabis ed i suoi effetti sul cervello.

Quando si tratta delle grandi preoccupazioni su ciò che la cannabis fa al cervello, questi studi hanno ridimensionato alcune delle più comuni affermazioni di cannabis e salute del cervello:

1 Anormalità cerebrali

I consumatori di cannabis abituali possono sviluppare anomalie cerebrali dal consumo di cannabis, una pianta psicoattiva? Uno studio pubblicato nel gennaio 2015 dice che tutto ciò, in realtà, non è possibile.

Ma un altro recente studio ha suggerito invece che la cannabis ha causato cambiamenti in alcune aree del cervello.

Suddetto studio, infatti, ha esaminato la morfologia del cervello in 29 adulti che consumano cannabis e 50 adolescenti, anche loro consumatori abituali di cannabis. Entrambi i gruppi hanno consumato cannabis quotidianamente, quindi. Sono stati quindi confrontati con lo stesso numero di individui che non fumano cannabis.

Il team di ricerca ha utilizzato la risonanza magnetica (MRI) di alta qualità per esaminare la differenza tra i consumatori ed i “sobri”. Ma indovinate? Non c’era alcuna differenza statistica tra i consumatori di cannabis e i non consumatori.

La conclusione finale? L’uso cronico di cannabis non è associato a anomalie cerebrali a lungo termine.

2 La cannabis ed il nostro QI

Gli appassionati di cannabis sono stati spesso descritti come non intelligenti e immotivati ​​nella cultura popolare. Tuttavia, recenti ricerche suggeriscono che l’erba non contribuisce a un basso QI a lungo termine.

A breve termine, la cannabis è stata associata a punteggi dei test più scarsi, ma solo immediatamente dopo aver consumato erba. Questi effetti sono stati segnalati fino ad un mese dopo il consumo di cannabis. Nei consumatori di cannabis pesanti, spesso è necessario un mese o più per eliminare i residui di THC dal corpo.

Nel dicembre del 2015, la ricerca pubblicata dai Precedenti della National Acadamy of Sciences ha esaminato le differenze cognitive nel consumo di cannabis da parte di gemelli.

In questo caso, il gruppo di ricerca aveva una domanda centrale. Se un gemello fosse un fumatore abituale di erba e l’altro si astenesse, il gemello che usa la cannabis avrebbe un QI più basso?

Lo studio ha rilevato che i consumatori di cannabis erano associati a punteggi inferiori dei test, ma si ritiene che lo stato socioeconomico e le problematiche familiari siano i fattori principali. Quando la squadra ha testato per vedere se il risultato è cambiato con varie dosi di cannabis, non hanno trovato nulla di rilevante.

Se la cannabis, infatti, causasse bassi punteggi del test, i dati mostrerebbero un peggioramento dei sintomi a dosi più elevate.

Il verdetto generale? La cannabis non è associata al declino cognitivo a lungo termine. Diteglielo a mamma e papà, su.

Quindi la cannabis non ha effetti negativi sulla nostra salute?

Quando si tratta di preoccupazioni circa la cannabis e la nostra salute, una delle prime è quella che ci porta a chiederci se la cannabis causi dipendenza, i genitori e gli operatori sanitari. Tuttavia, ciò che la dipendenza da cannabis significa in termini di salute del cervello a lungo termine deve ancora essere determinato.

Alcune stime suggeriscono che circa il 9% dei consumatori di cannabis sviluppa dipendenza, rispetto al 32% dei fumatori di tabacco e al 15% dei consumatori di alcol.

La ricerca ci dice infatti che la dopamina, il neurotrasmettitore della ricompensa, possa essere in parte responsabile di questa situazione. Si ritiene che le alterazioni nel sistema della dopamina contribuiscano a problemi comportamentali.

Uno studio del 2016 suggerisce che la cannabis può causare cambiamenti duraturi nel sistema di ricompensa del cervello. Per misurare questo, i ricercatori hanno eseguito scansioni cerebrali su 59 consumatori di cannabis che avevano consumato l’erba quotidianamente negli ultimi 60 giorni, o almeno 5.000 volte nella loro vita.

I ricercatori hanno mostrato ai partecipanti immagini di cannabis e immagini di altri prodotti naturali, come il loro frutto preferito. Il sistema di “ricompensa” del cervello ha scoperto che i consumatori di cannabis avevano più probabilità di avere una forte reazione di piacere alla cannabis piuttosto che al frutto.

I 70 individui che non hanno usato la cannabis hanno avuto una maggiore ricompensa in risposta al frutto. Questo studio dimostra che la marijuana distrugge i circuiti naturali di ricompensa del cervello, rendendo la marijuana molto più importante per coloro che la usano pesantemente. In sostanza, queste alterazioni cerebrali potrebbero essere un indicatore di transizione dall’uso ricreativo della marijuana all’uso problematico.

Per riassumere, quindi, la cannabis è molto attraente e piacevole per il cervello dei consumatori pesanti, sollevando preoccupazioni circa la potenziale dipendenza dalla cannabis.

Un altro studio finanziato dal National Institute of Drug Abuse ha rilevato che i consumatori dipendenti dalla cannabis hanno prodotto una minore risposta alla dopamina a un farmaco di anfetamina rispetto ai non consumatori.

Gli autori dello studio sostengono che questa riduzione della risposta alla dopamina è associata a un “deficit di rilascio della dopamina striatale”, che può contribuire a disattenzione, scarsa memoria di lavoro e apprendimento di categorie probabilistiche.

I consumatori dipendenti dalla cannabis non consumavano l’erba sette giorni prima dell’inizio dello studio. Lo studio ha esaminato 11 consumatori di cannabis e 12 controlli sani.

Ci sono molti aspetti negativi di questo studio, inclusa la piccola dimensione del campione. Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare il consumo di dopamina pre- e post-cannabis. La correlazione non sempre significa causalità.

Inoltre, il THC può rimanere nel sistema di un consumatore pesante per diverse settimane dopo l’ultima volta che hanno consumato. In questo studio, i partecipanti si sono astenuti per un breve periodo di una settimana, non abbastanza per permettere alla psicoattiva di lasciare completamente il proprio sistema. Sono necessarie ricerche di follow-up per vedere se questi cambiamenti durano nel tempo.

Quindi la cannabis fa bene al cervello?

Nel 1988, Francis Young, un giudice di diritto amministrativo della DEA ha risposto a una petizione per poter riclassificare la cannabis come sostanza di programma II, riconoscendo il valore medico dell’erba.

Mentre i media e la ricerca disponibile sembrano andare avanti e indietro sui rischi della cannabis, il giudice Young era fiducioso nella sicurezza e nell’applicazione terapeutica dell’erba.

Ora, due decenni dopo, ci sono molte più informazioni sui rischi per la salute della cannabis. Oggi, un’ampia evidenza suggerisce che i composti nell’erba sono:

  • agenti anti-infiammatori
  • antiossidanti
  • neuroprotettivi
  • promotori della crescita delle cellule cerebrali

Tutte queste qualità suggeriscono che l’erba potrebbe migliorare la salute del cervello in determinate condizioni. Tuttavia, quali sono esattamente queste condizioni sono difficili da determinare. In termini di consumo di cannabis da occasionale a moderato, ci sono poche prove che l’erba causi danni di qualsiasi tipo a lungo termine.

Oltre a diventare dipendenti dalla cannabis, non ci sono ancora prove di gravi danni alla salute causati anche dall’uso cronico di cannabis. Tuttavia, studi come quelli citati nella sezione precedente suggeriscono che i danni potrebbero essere possibili.

Tuttavia, per molti, l’uso regolare di cannabis può migliorare drasticamente la qualità della vita e favorire la guarigione in alcune condizioni mentali e neurologiche.

L’età conta

Gli adolescenti dovrebbero procedere con cautela quando si tratta del consumo regolare di cannabis. Il consumo cronico di cannabis negli adolescenti e negli adolescenti con cervelli in via di sviluppo infatti, come abbiamo approfondito nel nostro articolo, può essere problematico e compromettere alcune aree della crescita del cervello di un teenager.

A quanto pare, quindi, la cannabis può avere un impatto diverso sul cervello a seconda dell’età in cui il consumatore inizia per la prima volta.

Due delle preoccupazioni principali? Una maggiore probabilità di dipendenza e difficoltà di attenzione e problemi con la memoria. I cervelli giovani e adolescenti sono significativamente più suscettibili ai comportamenti di dipendenza, che è una delle ragioni per cui molti genitori e operatori sanitari sono diffidenti nei confronti del consumo degli adolescenti.

Uno studio del 2014 sostiene che il consumo di cannabis, in un certo senso, può essere rimandato a quando si diventa adulti. Lo studio ha scoperto che i consumatori di cannabis che hanno iniziato a usare l’erba nei loro anni dell’adolescenza avevano più probabilità di essere impulsivi e avevano alterazioni nella materia bianca del cervello.

Queste alterazioni sono state trovate in adolescenti che hanno iniziato a consumare prima dei 16 anni. Tuttavia, questi effetti non sono stati osservati in coloro che hanno iniziato a consumare cannabis più tardi, diciamo intorno ai 20 anni d’età. L’impulsività comportamentale era la preoccupazione principale affrontata in questo studio. Altrimenti, non sono stati notati impatti potenzialmente letali.

Gli adulti, al contrario, possono trarre più benefici dall’erba che dai danni.

Penso che tutto ciò che possiamo dire in modo sicuro fino ad ora stia usando basse dosi di marijuana per periodi di tempo prolungati a un certo punto della tua vita, probabilmente quando sei di mezza età o di mezza età, probabilmente rallenterai l’insorgenza o lo sviluppo di demenza, al punto in cui probabilmente morirai di vecchiaia prima di avere l’Alzheimer.

La cannabis abbinata al fumo abitudinario probabilmente non è la cosa più sana da fare, soprattutto per le persone che sono già giovani e in buona salute. Tuttavia, i benefici della pianta possono solo aumentare fino all’età adulta e alla vecchiaia.