Vaporizzatore Volcano: Digit Vs Classic, quale scegliere

13
tipologie articoli volcano

Ecco una cosa divertente che bisogna assolutamente sapere: il primo vaporizzatore approvato dall’istituto di sanità canadese per uso medico è stato un Volcano.

Il Volcano è un investimento per fumatori e appassionati che userete per anni, persino decenni se tenuto al meglio. In giro per il mondo vi sono persone che utilizzano ancora oggi un vaporizzatore Volcano acquistato 20 anni fa.

Il metodo di consumazione è piuttosto strano (tramite il noto palloncino), e il vapore che produce ha dimostrato essere meno denso di tossine rispetto a molti altri vaporizzatori. In più, il sapore dello svapo è senza eguali.

Storz & Bickel è l’azienda che lo produce, insieme alla lista di tutti gli altri vaporizzatori prodotti in serie e di altissima qualità, manco a dirlo!

Quando stiamo cercando e vogliamo acquistare il vaporizzatore per eccellenza non possiamo non pensare al Volcano:

  • materiali di altissima qualità
  • standard di produzione combinati con l’alta ingegneria tedesca

Qualità che hanno reso possibile la realizzazione di veri e propri vaporizzatori leggendari, amati dai consumatori di Cannabis di tutto il mondo. Storz e Bickel ha continuato a lavorare sul sistema di riscaldamento per anni, il che ha reso possibile l’ottenimento di una certificazione medica nel 2009.

Il Volcano è un vaporizzatore da tavolo perfetto sia per le serate con gli amici che per una sessione solista (certo, bisogna avere polmoni capienti ed essere piuttosto “abituati”). Scegliere tra il Volcano Digit e il Volcano Classic, che per chi non lo sapesse già sono le due versioni commercializzate di questo vaporizzatore, non è poi così difficile e le variazioni sono davvero poche, tutto sommato poco importanti.

Il Volcano produce un vapore denso e di alta qualità, ideale per i pazienti e in via generale per consumatori che utilizzino la Cannabis a scopo medicale senza però essere per questo secondario per chi consumi Marijuana a scopo ricreativo.

È compatibile con erbe essiccate e cera cannabica, ed è corredato di garanzia.

Volcano Digit, specifiche tecniche

Erroneamente chiamato anche Volcano Digital, vediamo quali sono le sue peculiarità tecniche.

Ciò che rende questo vaporizzatore così popolare è la sua regolazione precisa della temperatura, il che significa che puoi giocare e personalizzare la temperatura e il rilascio del vapore a seconda delle tue preferenze, in qualsiasi momento e qualsiasi esse siano.

Stiamo parlando di una gamma di temperature molto ampia: puoi scegliere qualsiasi temperatura compresa tra 40 e 230° C, in modo molto semplice, quest’ultima è facilmente controllabile grazie al display a LED touchscreen, da cui Volgano Digit.

Hai solo bisogno di accendere il dispositivo premendo il pulsante rosso e impostare la temperatura toccando i pulsanti più e meno.

A seconda della temperatura, il dispositivo impiega dai 3 ai 5 minuti per riscaldarsi.

Come usare Volcano Digit

Il Volcano Digit è un po complicato da usare rispetto ai tradizionali e più commercializzati vaporizzatori portatili, e l’intero processo di vaping potrebbe addirittura sembrare macchinoso.

  1. Prima di tutto, seleziona la temperatura desiderata e attendi qualche minuto finché si scaldi.
  2. Metti l’erba macinata nella camera di riempimento e successivamente sulla bocca di scarico.
  3. Devi attaccare il palloncino sul generatore di aria calda e premere il pulsante verde fino a quando il palloncino si riempia di vapore facendo attenzione a non riempirlo troppo.
  4. Il prossimo passo è togliere il palloncino dal dispositivo e appoggiarvi il boccaglio.

Per tutte le ulteriori informazioni e approfondimenti sulle modalità di vaping offerte da questo vaporizzatore fenomenale basta consultare questo manuale informativo ufficiale dell’azienda.

Puoi letteralmente “conservare” il vapore per un massimo di 8 ore e puoi usare il palloncino tra le 50 e le 100 volte prima di sostituirlo del tutto.

Questo sistema fornisce vapore pulito senza materiale vegetale e molte meno tossine: tutto ciò che ottieni è sapore intenso e aspirazioni dense.

Molte sono le indagini scientifiche che avrebbero dimostrato che il vaporizzatore Volcano conservi il 95% dei cannabinoidi, non sorprende dunque che questo dispositivo sia l’unico ampiamente approvato dal sistema sanitario canadese.

Il design del Volcano Digit

Si chiama Volcano per la sua forma funzionale ed elegante a forma di cono vulcanico, e in effetti guardanolo non si può far a meno di vedere un Vulcano in attività bello fumante. Il suo aspetto è rimasto pressoché inalterato da anni, con uno stile retrò che gli conferisce qualcosa di classico che piace tanto a noi utilizzatori abituali; fatto salvo il moderno display capace di innovare allo stesso tempo e conferire il giusto apporto tecnologico a uno strumento progettato per essere “tradizionale”.

Tutti i materiali utilizzati sono altamente resistenti al calore, quindi il dispositivo può durare per decenni (letteralmente).

L’esterno del dispositivo è realizzato in acciaio inossidabile, il che lo rende molto resistente e ne garantisce il funzionamento per tutti gli anni a venire.

Qualora vogliate vederlo più da vicino approfondite visitando il prodotto contenuto nella scheda tecnica qui di seguito:

VOLCANO DIGIT Vaporizzatore
  • VOLCANO DIGIT con EASY VALVE Set (230 Volt)
  • Indicatore de temperatura approssimativa 40°C - 230°C
  • Certificato di garanzia TÜV SÜD
  • Prodotto in Germania
  • Garanzia: 3 anni

Volcano Classic, differenze

Il Volcano Classic è la versione analogica del Volcano Digital. Anche se per essere corretti dovremmo dire il contrario: il Volcano Digit è la versione digitale del Volcano Classic; già, perché il Volcano è nato analogico, non super-tecnologico. Vi sono alcune differenze tra questi due dispositivi ma sostanzialmente funzionano allo stesso modo e adempiono entrambi, perfettamente, ai loro doveri.

La differenza sostanziale sta nel fatto che con il Volcano Classic non si possa ottenere il controllo preciso e completo della temperatura del vaporizzatore come si fa invece con il digitale.

Anche se è opportuno comprendere che l’intero processo di riscaldamento del dispositivo è quasi identico a quello del “collega” più innovativo e tecnologico.

Come usare il Volcano Classic

Dovresti usare Volcano Classic proprio come faresti con Volcano Digit.

  1. Metti le tue erbe essiccate nella camera di riscaldamento, preferibilmente fino in cima, prepara il pallone e dacci dentro con il pulsante verde per iniziare a riempire il pallonicino con il vapore tipico.
  2. Ruota il pomello sul quadrante della temperatura e al raggiungimento di quella desiderata premi il pulsante rosso per iniziare a riscaldare l’erba. La spia di controllo si accenderà segnalando che il sistema ha iniziato a riscaldarsi e la luce si spegnerà automaticamente quando il vaporizzatore sarà pronto per essere utilizzato.

Informazioni sulla camera Classic di Volcano

La camera di vaporizzazione è la stessa ed è piuttosto grande, questo lo rende perfetto per i gruppi di amici che si radunino per fumare insieme, meno per le sessioni solitarie. Tuttavia, come nel caso del Digit, è possibile conservare il vapore nel palloncino per un massimo di 8 ore, che è semplicemente una caratteristica strabiliante vista la possibilità di colpi di scena (all’ordine del giorno direi) che ci impediscono di terminare la sessione di fumo.

Design del Volcano Classic

Il design del classico è molto simile al digitale. È fatto anch’esso in acciaio inossidabile con l’unica differenza che il quadrante per il controllo della temperatura è analogico, invece del display digitale.

Tutto il resto è praticamente identico. Ragion per cui, qualora stiate cercando un look retrò, dovreste assolutamente optare per questa versione. Anche naturalmente per una questione di costi.

Qualora vogliate vederlo più da vicino approfondite visitando il prodotto contenuto nella scheda tecnica qui di seguito:

VOLCANO CLASSIC Vaporizzatore
  • VOLCANO CLASSIC con EASY VALVE Set (230 Volt)
  • Indicatore de temperatura approssimativa 130°C - 230°C
  • Certificato di garanzia TÜV SÜD
  • Prodotto in Germania
  • Garanzia: 3 anni

Volcano Classic vs Volcano Digit: Quale si dovrebbe fare?

Questi due dispositivi sono fondamentalmente molto simili, con alcune differenze più o meno importanti.

Per decidere quale dispositivo acquistare, basta rispondere a una domanda: hai bisogno del controllo della temperatura spaccando perfettamente il grado e sei disposto a spendere un centinaio di euro in più soltanto per questa caratteristica?

Un importante vantaggio del digitale rispetto al classico è il timer di spegnimento automatico. Se il dispositivo non viene utilizzato per 30 minuti si spegne da solo per risparmiare energia e per preservare le parti riscaldate.

Il classico non viene fornito con quella funzione, quindi assicurati di non dimenticare di spegnerlo quando non lo utilizzi.

Tolta questa variabile l’unica cosa che fa la differenza è il prezzo.

A questo punto le considerazioni sono due: fumare per necessità e passione o voler possedere un pezzo unico nel suo genere.

Se non avete problemi di soldi mi sentirei di consigliare il Volcano Digit perché, come dire, una volta che uno scegliere di fare una spesa la fa come si deve e via! Tuttavia, il Volcano Classico ha un fascino davvero inimitabile.

Come pulire un vaporizzatore Volcano

Queste mini-guide vogliamo lasciarle per ultime proprio perché funzionali a entrambe le versioni, dunque potrebbero essere di aiuto davvero per tutti.

I vaporizzatori Volcano non necessitano di molta manutenzione ma di tanto in tanto devono essere puliti.

La pulizia potrebbe sembrare complessa poiché le parti sono così tante che sarà facile confondersi.

Smontare le parte smontabili e immergerle in acqua e sapone o in alcol (a seconda della predisposizione del materiale – attenti a non far guai) e strofinarle per bene, senza avventurarvi in azioni non richieste: smontate quello che va smontato, nulla in più!

Prima di immergere le parti in acqua saponata o alcol, dovresti provare a pulire più sporco possibile con un tovagliolo di carta e uno stuzzicadenti.

Quando pulisci il tuo vaporizzatore Volcano è importante pulire ogni parte separatamente, in modo da non mescolarli e finire così per dover rimettere insieme un puzzle da più di 400 euro.

Per chi è il volcano

Il Volcano non è economico. Si rivolge a qualcuno che sia alla ricerca di effetti forti e ad azione rapida con poco sforzo. I componenti proteggono letteralmente il sapore dal diventare acre e ferroso/plasticoso (come spesso avviene) e sono estremamente efficienti, mentre l’aspirazione dal palloncino dà la sensazione di star respirando normalmente aria pulita, senza alcuna resistenza. Gestisce facilmente diversi carichi, lavora con erbe secche, fresche ed estratti e ha dimostrato di essere durevole per quasi due decenni.

Per chi non è il volcano

Il volcano è costoso, quindi il prezzo rappresenta una grosso limite per chi non possa spendere queste cifre. Inoltre, non è qualcosa che consiglierei a chi non ami il sistema dei palloncini poiché è tutto lì il gioco. Si tratta di un vaporizzatore da tavolo, il che lo rende dipendente da un ripiano e una presa di corrente o comunque una fonte di alimentazione: nulla a che vedere con la comodità di un vaporizzatore portatile.

Previous articleProdotti a base di olio di cannabis per gatti
Ok, non sono quello in foto ma arrivato a 70 anni vorrei essere più o meno così. Cappellino in testa, Joint tra le mani, Sativa e Indica nel cuore. Di che parlo su questo mio giornale online? Dei giovani, delle loro abitudini, di quali siano i loro argomenti quotidiani e topic rilevanti, cosa gli occorra davvero e come fare per ottenerlo. Provo ad aiutare i miei coetanei a reperire informazioni e a farlo nel modo giusto, dicendo cosa vogliano sentirsi dire, dando loro le risposte che cercano e farlo nel modo più sincero possibile. Perché il nome Cannatris? Ho creato un'apposita sezione sulla Marijuana, ho pensato che con un joint tra le mani "non c'è due senza tre" e che tutti i giovani, ma proprio tutti, hanno una piccola passione per la Ganja!