Tutti i benefici del tè alla cannabis

99
tè alla cannabis

Oggi tocca ad un altro dei meravigliosi utilizzi alimentari della cannabis e dintorni che riguarda principalmente i beveraggi: il tè alla cannabis.

D’altronde, la calma zen dei nostri cari amici giapponesi dovrà venir fuori da qualche parte, no? Scherzo. Il tè alla cannabis, infatti, è una bevanda tipicamente giamaicana e prende il nome di Bhang (chissà perché, eh?).

Sebbene i benefici della cannabis siano ben noti, molti potrebbero non prendere in considerazione la sana opzione di bere del tè infuso di cannabis tra i vari metodi di consumazione di quest’erba, che può aiutare con infiammazioni, ansia e depressione ma non solo; sono tantissimi i disturbi contro i quali la cannabis può farla da padrona. Il modo migliore per trattare tali sintomi è l’assunzione di cannabinoidi, infatti, che può essere ottenuta anche bevendo tè alla cannabis, che è un’alternativa facile e ben più salutare rispetto al fumo. Ecco dunque i grandi vantaggi di farlo.

1 Malattie autoimmuni

Quando si tratta di malattie autoimmuni, l’erba è un trattamento efficace, poiché i cannabinoidi hanno dimostrato di ridurre l’infiammazione. Quindi, per coloro che soffrono di artrite, sclerosi multipla o sindrome dell’intestino irritabile, la cannabis può essere un’alternativa sana ed efficace ai farmaci da prescrizione.

2 Salute intestinale

Fumando erba, scoprirai che la maggior parte dei cannabinoidi arriva direttamente al cervello. Ma bevendo tè alla cannabis, scoprirai che i cannabinoidi sono assorbiti dai recettori del tubo digerente, il che aiuta in caso di stitichezza, crampi, diarrea e persino reflusso acido.

3 Ansia e depressione

Mentre ci possono essere molti fattori che possono causare a qualcuno di soffrire di depressione e ansia, un innesco comune è l’infiammazione neuronale o una carenza di neurotrasmettitori (come una mancanza di serotonina). Puoi usare i cannabinoidi per ovviare a questi fattori, bevendo del tè infuso. Bevendo il tè alla cannabis, otterrai un corpo più alto, che non è solo più dolce di quello che potresti ottenere dal fumo, ma anche più rilassante e rinvigorente. Mica male, eh?

4 Effetto neuroprotettore

Il governo ed i bigotti vogliono che tu creda che la cannabis porti a problemi di memoria e danni cerebrali vari, o ancora più sinteticamente vogliono che tu creda che la cannabis ti faccia diventare scemo, squattrinato e lontano da tutti. Ma non crederci, perché in realtà è tutto il contrario. Infatti, ci sono studi che mostrano come il THC possa rallentare, o bloccare, la produzione di proteine beta-amiloide, ritenute i precursori dell’Alzheimer. I ricercatori dietro questi studi credono che i cannabinoidi potrebbero aiutare a combattere il declino cognitivo legato all’età, come vedremo più sotto.

5 Sollievo dal dolore

Per secoli, la cannabis è stata usata per alleviare il dolore, dal famoso morbo di Crohn all’artrite e altri tipi di malattie croniche. Questo grazie ai cannabinoidi, che si legano ai recettori del dolore nel sistema nervoso centrale, per aiutare a smorzare quei segnali di dolore.

E a differenza di altre forme di sollievo dal dolore farmaceutico, come gli oppiacei, la nostra cara amata e devota cannabis non crea dipendenza. Né è pericolosa, perché non puoi morire usando la cannabis. Per il sollievo dal dolore, bere il tè infuso con cannabis è un ottimo modo per curare la tua malattia, poiché viene assorbita attraverso il sistema digestivo che dura un effetto più lungo e si diffonde facilmente attraverso tuuuuutto il tuo corpo.

6 Diminuisce la nausea

Uno degli effetti collaterali del trattamento farmacologico e delle malattie, inclusa la chemioterapia, è la nausea. È noto che la cannabis fornisce sollievo da questo problema. Bere sotto forma di tè è un’opzione molto più sana rispetto al fumo. Aiuta anche a stimolare l’appetito.

7 Migliora la salute dei polmoni

Lo sapevi che la cannabis effettivamente migliora piuttosto che inibisce il funzionamento del polmone?

A differenza del tabacco, la cannabis agisce come un broncodilatatore piuttosto che un broncocostrittore.

In altre parole, la cannabis diminuisce effettivamente la resistenza delle vie respiratorie e aumenta il flusso d’aria.

La cannabis potrebbe anche aiutare a curare il cancro del polmone.

Ricercatori dell’Università di Harvard hanno scoperto che il THC riduce la crescita tumorale nel cancro del polmone del 50%. In effetti, il THC ha anche ridotto significativamente la capacità di diffusione del cancro.

Il tè alla cannabis offre un’alternativa alle persone che desiderano sperimentare i benefici della cannabis senza fumarla.

Se hai un disturbo respiratorio, questo può essere particolarmente utile.

8 Può prevenire l’Alzheimer

Poter bere cannabis può davvero prevenire la malattia di Alzheimer?

Secondo la scienza, la risposta è sì.

Uno studio pubblicato nel Journal of Alzheimer’s Disease ha rivelato che piccole dosi di THC hanno rallentato la produzione di proteine beta-amiloide che causa l’Alzheimer.

Perché tutto ciò è importante?

Le proteine beta-amiloidi sono una caratteristica tipica del morbo di Alzheimer.

Anche se i risultati sono preliminari, lo studio indica che i cannabinoidi sono neuroprotettivi – un fattore chiave nel prevenire l’insorgenza della malattia di Alzheimer.

Certo, non sono stati condotti studi per valutare gli effetti del tè infuso con cannabis nei pazienti con Alzheimer. Tuttavia, sappiamo che la cannabis fornisce capacità antinfiammatorie e neuroprotettive.

Bere il tè alla cannabis è semplicemente un altro modo per rifornire il corpo di questi potenti cannabinoidi.

Come fare il tè alla cannabis?

Un altro vantaggio del tè infuso con cannabis è che è abbastanza facile da preparare.

Ognuno lo fa un po’ a modo proprio, però vediamo assieme di che cosa si tratta quando vogliamo realizzarlo con la ricetta più semplice.

Puoi usare boccioli, foglie, fumo e persino gli steli.

La cosa più importante da ricordare è che il THC non è idrosolubile, quindi se vuoi potenza devi prima scaldare la tua cannabis con latte, burro o olio di cocco.

Ciò consentirà alle molecole di THC di combinarsi con le molecole di grasso, creando una soluzione psicoattiva che userete per il vostro tè.

Ecco una rapida ricetta per iniziare:

Ingredienti del tè alla cannabis

  • ½ grammo di fiori di cannabis
  • ½ cucchiaino di burro (potrebbe essere sostituito però con latte o olio di cocco, qualcosa di grasso insomma, visto che la cannabis deve legarsi a dei lipidi)
  • 1 bustina di tè
  • 2 tazze d’acqua

Facoltativo: miele da gustare per aggiungere dolcezza al sapore del té alla cannabis.

Ricetta per il tè alla cannabis

Fare il tè alla cannabis è quindi come si è detto più facile di quanto pensi. Segui questi semplici passaggi per gustare la tua bevanda sana e protettiva un po’ per tutto l’organismo.

  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 30-45 minuti

Dimensione della dose: 1 tazza di tè (attendere almeno 2 ore prima di consumarne di più).

  1. Macinare ½ grammo d’erba
  2. Mescolare il fiore macinato con il burro in una casseruola media. Porta il composto a bollire lentamente.
  3. Versare il composto in un sacchetto di etichette o una palla da tè
  4. Portare 2 tazze d’acqua a ebollizione.
  5. Collocare la bustina di tè nell’acqua bollente. Ridurre il calore e lasciare cuocere a fuoco lento per almeno 30 minuti.
  6. Rimuovere la busta delle etichette e lasciare raffreddare la miscela prima di servire.