I metodi migliori di consumazione della cannabis

0
58
consumazione cannabis

Quando si tratta di consumare cannabis, i consumatori di tutto il mondo ora hanno più opzioni che mai (in Italia no). È difficile riconoscere la “migliore” forma di consumo, soprattutto perché ogni giorno spuntano nuovi metodi di consumo di marijuana. Fumare è la pratica più antica, ma i vaporizzatori stanno diventando piuttosto popolari. Per quanto riguarda i commestibili, ora possiamo goderci praticamente qualsiasi cibo desideriamo con THC incluso. Inoltre ora ci sono oli, spray e molto altro ancora. In breve, ci sono più modi di consumare marijuana che mai.

Quali metodi esistono per consumare la cannabis?

Il metodo “migliore” per consumare la cannabis dipende in realtà dalle tue preferenze e dal modo in cui privilegi convenienza, prezzo, forza, salute, ecc. In questo articolo affrontiamo i dettagli del consumo di marijuana e descriviamo 14 modi comuni per prendere parte allo strambo erba per aiutarvi a determinare quale metodo è meglio per voi.

Fumarla

Il fumo è il metodo più comune di consumo di cannabis oggi sul mercato. È anche il modo più rapido per ottenere il tanto amato THC nel tuo corpo. Poiché i cannabinoidi entrano nel corpo attraverso i polmoni, vengono fatti passare direttamente nella circolazione sanguigna dell’utente. E poiché il sangue scorre a una media di tre o quattro miglia all’ora (sì, hai letto correttamente, tre o quattro miglia all’ora), una volta che il THC colpisce il tuo sistema circolatorio, ci vogliono solo pochi secondi per raggiungere il tuo cervello. È più veloce di qualsiasi altro metodo presente in questo elenco.

Anche se il fumo è il metodo di fattanza più rapido, è anche il più dannoso per i polmoni. Quando bruciate la marijuana per fumarla, ottenete anche altri materiali vegetali e cartacei con i cannabinoidi. Queste sostanze estranee possono avere effetti negativi sul tessuto sensibile nei polmoni.

Quando ci pensi, fumare marijuana è un po’come il fast food: è veloce e il lavoro è fatto, ma potrebbe essere dannoso per i polmoni. Come vedrai più avanti, fumare la tua marijuana ti permette di monitorare e controllare più precisamente la quantità di cannabis che consumi. Questo rende meno probabile l’eccedenza e “troppo alto “.

Diamo un’occhiata alle nostre opzioni:

Joints

I joints sono forse i più noti tra i sistemi di rilascio di cannabis. Alcuni consumatori (soprattutto qui in Europa dove il fumo di sigaretta è più diffuso) amano caricare i loro joints con un misture di tabacco e cannabis. Ad ogni modo, un tiro di un joint lo senti immediatamente.

Blunts

I blunts sono simili ai joints in molti versi, ma sono arrotolati con carte di sigari invece di sigarette o rotoli di carta. Inoltre, i blunts sono di solito più spessi e trattengono più erba, rendendoli un’opzione più potente per il joint, che è invece più piccolo e più sottile.

Molti consumatori di cannabis preferiscono i blunts semplicemente perché sono famosi da molti anni. Gli utenti apprezzano anche l’atto di fumare “old school”,  con qualcosa di più robusto e facile da gestire. Aggiungete a ciò il fatto che famose celebrità come Snoop Dogg e Wiz Khalifa approvano questo stile, ed è facile capire perché i blunts stanno rapidamente guadagnando popolarità rispetto a quelli più piccoli e fragili.

Pipe apposite

Rispetto ai joints, le pipe sono un modo ancora più semplice e veloce di consumazione della cannabis. Non c’è bisogno di rollare ce la destrezza di un orologiaio del 1700. Basta infilare un po’ d’erba nella pipa, accendere e sei a posto.

Portare la tua ganja attraverso una pipa o una ciotola è efficace tanto quanto attraverso una canna o un spuntone, anche se potrebbe non avere un sapore altrettanto buono dato che non c’è carta per lisciare il sapore.

Bong

I bong sono il re degli accessori per la marijuana. Sono disponibili in tutte le forme e dimensioni e spesso possono essere molto belli. Alcune persone che conosciamo non le usano nemmeno per fumare. Mostrano solo i loro bong come pezzi di decorazione. A ciascuno il suo.

Una forma popolare di bong è il bong gravitazionale. Questo ingegnoso congegno usa la gravità per forzare il fumo in una camera di contenimento dove può inalare a vostro piacimento. Farle richiede un po ‘di lavoro, ma è un modo divertente per consumare cannabis che ti farà diventare estremamente sballato.

Bubblers

I Bubblers sono ancora pressoché sconosciuti in Italia, ma si tratta fondamentalmente bong in miniatura che di solito sono abbastanza piccoli da stare in tasca. Come i bong, i bubblers lasciano che il fumo si raffreddi prima che colpisca i polmoni. Questo rende più facile per l’utente prendere colpi più grandi e ottenere effetti più grandi.

I vaporizzatori

La vaporizzazione è molto simile al fumo, sebbene implichi il riscaldamento della marijuana piuttosto che bruciarla. Quindi, la vaporizzazione è un’alternativa più sana, poiché elimina il potenziale dolore ai polmoni e alla gola che deriva dall’esposizione al calore e alla sostanza organica bruciata. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche che dimostrino che fumare marijuana ha effetti dannosi sulla salute rispetto alla vaporizzazione. Possiamo solo concludere che la vaporizzazione è meno dannosa.

I vaporizzatori (noti anche come vapes o penne vape) sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Il padrino di tutti loro è il vulcano, che è esistito da prima che la marijuana fosse legale in qualsiasi stato degli Stati Uniti. L’alto costo del vulcano e le grandi dimensioni lo hanno messo fuori dalla portata di tutti tranne gli appassionati di cannabis più determinati. Con i progressi della miniaturizzazione e la diminuzione del prezzo di questa tecnologia, le penne a vape più piccole stanno rapidamente diventando una popolare alternativa alle giunzioni e ai bong. Ora ci sono vapori portatili e portatili che si adattano facilmente in tasca. Non è molto più conveniente di così.

Un altro vantaggio dei vaporizzatori è che possono essere utilizzati con oli che contengono fino all’80% di THC (rispetto al 5-25% per i fiori). Come indicano questi numeri, gli oli vaporizzanti hanno un effetto molto più forte sul corpo.

La vaporizzazione è ampiamente conosciuta come la forma di consumo più “salutare” perché è molto meno dura nei polmoni. Ancora una volta, c’è poca scienza a sostegno di ciò, ma la scorrevolezza del fumo è probabilmente la ragione principale per cui gli utenti di cannabis lo chiamano “sano e buono per i tuoi polmoni”. Ma solo perché è “meno malsano” non lo rende “sano”. Se stai cercando dei modi per migliorare la tua capacità polmonare, ti suggeriamo un esercizio regolare.

Le tinture

Che ci crediate o no, in alcuni Stati del mondo potete consumare la cannabis semplicemente lasciandola dissolvere sulla lingua, ma qui in Italia c’è solo la versione che contiene CBD.

Le tinture sono una concentrazione liquida o materia di marijuana e sono uno dei modi più sottovalutati per ottenere la dose giornaliera di cannabinoidi. Se vuoi evitare di fumare e non vuoi aspettare gli effetti dei tuoi brownies speciali per dare il calcio, allora le tinture sono il tuo nuovo migliore amico.

Metti qualche goccia sulla lingua e goditi il ​​viaggio. Gli effetti delle tinture possono prendere piede ovunque tra cinque e quindici minuti dopo l’ingestione (a differenza di un edibile che richiede più tempo). E proprio come fumare, gli effetti degli utenti si sentiranno in base all’esperienza dell’utente e alla varietà di marijuana scelta.

Poiché le tinture sono un estratto alcolico, sono spesso inodori. Questa mancanza di aroma rende la tintura estremamente comoda da usare in situazioni pubbliche come aspettare in coda al cinema o in un parco pubblico.

Spray

Gli spray al THC sono fondamentalmente tinture all’interno di un flacone spray. In Italia attualmente esistono solo a base di CBD. Di solito basta uno o due spruzzi per mandarti sulla buona strada. La cosa bella degli spray è che sono poco “appariscenti” e possono essere presi in maniera veloce ed indiscreta.

Creme per uso topico

Non desideri ardentemente di stare fatto? Prova con le creme a base di CBD. Sono lozioni che sono state infuse con la cannabis per il sollievo dal dolore, dall’indolenzimento e dall’infiammazione. In Italia esistono ma fanno uso delle proprietà medicinali del cannabidiolo (CBD). Uno dei vantaggi di attualità come questi è che possono essere applicati direttamente sulla pelle in modo da poter scegliere come area grande o piccola, se necessario. E poiché il CBD non influenza il cervello come fa il THC, gli ingredienti non forniscono un effetto psicoattivo. Ciò li rende ideali per chi soffre di ansia, paranoia, PTSD, dolore e altre malattie croniche. Quindi, se stai cercando di non lasciare la tua mente inalterata, le creme sono una grande opzione.

Cucinala!

Non sei un fan del fumo o dello svapo?  Il consumo in cucina è in cima alla lista delle opzioni alternative.

Non importa il metodo, quando la cannabis viene consumata per via orale, ci sono due cose importanti da tenere a mente:

– Il tempo necessario perché i cannabinoidi diventino più lunghi.

– Gli effetti che la marijuana produce saranno più forti.

In media, gli utenti che consumano marijuana per via orale tendono a sentire gli effetti, almeno, trenta minuti dopo. A volte quegli effetti non si avvertono fino a oltre un’ora dopo. Gli effetti di picco del consumo orale di solito si aggirano intorno alle due ore e gli effetti possono durare fino a sei ore o più a seconda dell’utente.

E poi ci sono gli effetti più forti che produce il consumo orale. Questo aumento di potenza è dovuto al fatto che quando la cannabis viene digerita, i cannabinoidi subiscono una trasformazione chimica che li rende più forti. Anche se questo potrebbe far sembrare che dovresti uscire e inghiottire qualche ganja, in realtà è un avvertimento.È molto più difficile rintracciare la quantità di marijuana che si ottiene mangiando. Gli erogatori sono regolamentati, ma se qualcuno ti consegna un biscotto ad un concerto, non hai modo di sapere quanta cannabis contiene e quanto è alto il contenuto di THC. Ci vogliono dai 30 ai 120 minuti per sentire tutti gli effetti degli edibli di cannabis. Questo fatto da solo rende facile per gli utenti inesperti consumare troppa marijuana solo per subirne le conseguenze un’ora o due dopo.

Il consumo orale è ideale per le persone che consumano marijuana medicinale per il dolore cronico di lunga durata in quanto non è necessario consumare più spesso. Per scopi ricreativi, puoi goderti un lungo viaggio in autobus dove non è necessario spostarsi per un lungo periodo di tempo. In questo modo, se fai oltre il consumo, l’unica cosa di cui ti devi preoccupare è addormentarti. Entriamo in alcune opzioni orali.

Entriamo in alcune opzioni orali:

Spuntini a base di cannabis

Brownies, biscotti, torte, hai un sacco di opzioni. Il tuo dispensario non ha il cibo che desideri? Fai una rapida ricerca su internet e probabilmente c’è una ricetta per realizzare lo spuntino a base d’erba che hai in mente.

Capsule / pillole

Proprio come qualsiasi altra droga o farmaco, l’erba può essere assunta sotto forma di capsula o pillola (ma solo nei Paesi dove è legale il commercio). Questa è una buona strategia se stai cercando di evitare di fumare, ma gli utenti si guardano bene. Le capsule tendono ad essere potenti e molto concentrate. Ma prima, assicurati di sapere quanto è forte il dosaggio!