Marijuana medica vs farmaci da prescrizione

69
weed scientist

Sono in corso ulteriori studi e ricerche varie che dimostrano che la marijuana medica è un trattamento efficace per le condizioni di salute che possono causare dolore cronico, nausea, ansia e una miriade di altri sintomi diversi ai quali la nostra cara vecchia ganja può facilmente ovvia. Gli individui che usano la marijuana per trattare tutto, dal disturbo da stress post-traumatico al cancro passando poi alla fibromialgia, giurano che l’efficacia dell’erba c’è e la sua capacità di ridurre il dolore e migliorare il benessere generale non è da sottovalutare.

Fortunatamente per questi individui e milioni di persone che possono beneficiare del suo uso terapeutico, la marijuana medica è ora legale in 29 stati, tra cui la California. In Italia, forse, prima o poi ci arriveremo.

In California ad esempio, chiunque possegga una carta d’identità che attesti che si ha bisogno di marijuana medica emessa dallo stato può acquistare legalmente marijuana da qualsiasi dispensario dello Stato e coltivarla a casa per uso personale. Una carta d’identità è facilmente ottenibile online ottenendo l’approvazione di un medico autorizzato (IN CALIFORNIA, non in Italia, stiamo parlando dell’Eden, qui).

I residenti della California che hanno una condizione che può essere trattata medicamente con la marijuana spesso si domandano se sarebbe meglio usare l’erba o usare farmaci da prescrizione, ma questa è una domanda che ha a che fare con molte persone che iniziano a mattere in dubbio l’efficacia e gli effetti collaterali di molti farmaci.

Molti medici raccomandano ancora i farmaci con prescrizione medica come metodo principale di trattamento e continuano a rinnovare regolarmente le prescrizioni per i loro pazienti. Ti chiedi se dovresti usare marijuana o prescrizioni nel tuo piano di trattamento o se ti piacerebbe esplorare la marijuana come alternativa alle tue attuali prescrizioni? Qui ci sono solo alcuni motivi per cui la marijuana medica vince su tutto, anche se in Italia non è ancora disponibile e per questo la marijuana è affidata semplicemente al mercato nero. Purtroppo. Ma vediamo assieme perché la ganja vince a tutti gli effetti:

Può trattare la malattia tanto bene quanto i suoi sintomi

Nella maggior parte dei casi, i farmaci da prescrizione sono usati solo per trattare i sintomi di malattie o condizioni di fondo mascherando il dolore. La marijuana medica, tuttavia, può effettivamente aiutare a curare alcune malattie, aiutando anche l’individuo a gestire i sintomi. Nel caso del cancro, ad esempio, la cannabis può uccidere le cellule tumorali e inibire la crescita dei tumori. Se usato in combinazione con forme di trattamento più aggressive come la chemioterapia e le radiazioni o da sola, la marijuana può essere efficace nel far si che un malato di cancro si senta meglio e combatta la sua malattia.

Non si rischia l’overdose

L’abuso di droghe su prescrizione è un grosso problema e si stima che oltre 17.000 morti all’anno siano il risultato di overdose di farmaci da prescrizione. Questo numero cresce sempre di più in quanto sono tantissime le persone che usano farmaci con obbligo di prescrizione medica per usi diversi da quelli medici, e la dipendenza da oppioidi colpisce anche bambini di 12 anni.

In più, non sono noti casi di overdose da marijuana medica. Inoltre, è molto più probabile che gli individui diventino dipendenti dall’eroina o dalla cocaina a causa dell’uso di oppioidi rispetto all’uso di marijuana poiché gli oppioidi derivano dalla stessa fonte di droghe illegali più pesanti.

Meno effetti collaterali

Uno dei maggiori inconvenienti della prescrizione di farmaci è la moltitudine di effetti collaterali che vanno dalla stitichezza alla fatica cronica e tutto il resto. Molte persone sviluppano anche una tolleranza al loro dosaggio di antidolorifici, che li fa continuamente aumentare la dose per provare gli stessi effetti. Ciò porta ad effetti collaterali ancora più gravi e può causare altre condizioni che devono essere quindi trattate adeguatamente, spesso con più prescrizioni di farmaci.

I farmaci da prescrizione possono anche essere pericolosi per la propria vita. Alcune prescrizioni aumentano il rischio di sviluppare ulteriori problemi come infezioni cerebrali mortali. Altri, come i farmaci usati per trattare la sclerosi multipla, agiscono bloccando i globuli bianchi. Dal momento che queste cellule proteggono il corpo dall’infezione e dalla malattia, l’inibizione di questi può portare a maggiori danni rispetto alla malattia originaria che devono trattare.

La marijuana medica non è priva di effetti collaterali, ovviamente, ma in genere sono molto meno pericolosi e più facili da gestire. Gli effetti collaterali della marijuana sono vertigini, letargia e bassa pressione sanguigna, ma molto di questo può essere risolto aggiustando il dosaggio o la percentuale di THC nel farmaco. La marijuana medica ha una percentuale inferiore di THC, la componente psicoattiva della cannabis, rispetto alla sua controparte ricreativa e tende a produrre meno effetti collaterali.

La marijuana, d’altra parte, ha pochi effetti collaterali a lungo termine, specialmente per le persone che prendono la marijuana medica pesante per la CBD. In effetti, c’è persino una ricerca emergente che mostra effetti positivi della marijuana medica sul lobo temporale del cervello. La maggior parte della marijuana medica non presenta mai segni di dipendenza dall’erba e non ha a che fare con problemi di maggiore tolleranza o di astinenza.

Più metodi d’assunzione

Con i farmaci con obbligo di prescrizione medica, hai solo una scelta: prendere una pillola (o più pillole). Alcuni individui hanno assunto così tanti farmaci che stanno assumendo dozzine di pillole al giorno. Se non ti piace prendere le pillole o se irritano lo stomaco, non hai molte altre opzioni quando si tratta di prescrizioni.

La marijuana medica si presenta in una varietà di forme tra cui vaporizzare, fumare e mangiare. In questo modo è più facile integrare il farmaco nella routine quotidiana e trovare il metodo di consegna più adatto alle proprie esigenze. Quando si lavora con un dispensario locale, è possibile porre domande sui diversi moduli disponibili per l’acquisto o sui modi in cui è possibile modificare ciò che si acquista per creare diverse forme di materiali di consumo. Ricordarsi di chiedere in che modo l’alterazione del farmaco cambierà la sua composizione chimica e / o potenza in modo da poter regolare il dosaggio corretto.

Insomma, non ci resta che sperare che in futuro, prima o poi, le cose inizieranno a cambiare anche qui. Diversi paesi, infatti, hanno aumentato la loro tolleranza o hanno legalizzato la cannabis anche per porre fine al problema della droga e dei tossicodipendenti. Sembra controproducente? Oh, non lo è. Non vi resta che leggere l’articolo sui paesi che hanno legalizzato l’utilizzo della marijuana per capirne un po’ di più a riguardo.