Cosa fare se la marijuana si bagna

0
41
riso

Quando l’erba si bagna è veramente un colpo al cuore, ma c’è un modo per riportare in vita i tuoi boccioli? Fortunatamente, c’è e questo sito beh… serve anche a questo.

Effetti collaterali? Beh, potrebbero volerci solo due o tre giorni.

Quando l’erba si bagna: la pazienza è la chiave

So che molti di voi devono pensare: “Due o tre giorni ?! Non ho tutto quel tempo, devo per forza ammazzarmi di canne!” Ma credici, la tua cara e vecchia ceppa tornerà a essere di ottima qualità se segui questi passaggi e aspetti.

Il metodo della carta

  • La prima cosa che devi fare quando l’erba si bagna è metterla in un fazzoletto di carta o in un sacchetto di carta marrone, tipo quelli del McDonalds quando ti fanno i pacchetti per il takeaway, hai presente?
  • Posiziona il sacchetto di carta in un luogo buio e asciutto
  • Se possibile, assicurati che ci sia del flusso d’aria nella stanza. Metti un ventilatore o un deumidificatore, se ne hai uno.
  • Sostituisci il tovagliolo di carta e gira la tua cannabis bagnata ogni due ore.
  • Assicurati di controllare la presenza di muffa quando giri la tua erba

Il metodo del riso

  • Metti la tua erba bagnata in un barattolo di vetro e riempi il barattolo di riso
  • Tienilo scoperto, non chiuso
  • Rimuovi l’erba e controllala per la muffa
  • Ancora una volta, avere un flusso d’aria nella stanza per aiutare a prevenire la muffa come un ventilatore o un deumidificatore se ne hai uno;
  • Quando l’erba sembra abbastanza secca, rompi le cime e usa il metodo del tovagliolo di carta per alcune ore per rimuovere l’eventuale umidità residua, se necessario.

Quando l’erba si bagna: Evita il calore e la luce

Si sa che è allettante provare alcuni modi più veloci per asciugare l’erba, come usare un phon, metterlo nel microonde o nel forno normale in basso, o metterlo sotto il sole o sotto una lampada per alcune ore. Ma queste non sono le migliori tattiche per mantenere l’integrità della tua erba. Questi metodi possono degradare i tricomi, potenzialmente bruciando parte del numero di THC delle erbe e di altri cannabinoidi o terpeni presenti. Inoltre, asciugare l’erba con uno di questi metodi è in grado di rendere la tua gemma più dura e meno piacevole da fumare. Quando l’erba si bagna, è meglio avere pazienza e utilizzare uno dei metodi sopra elencati ed evitare scorciatoie che implichino calore e luce.

Il tocco finale

Quando l’erba si bagna, la cosa più importante da evitare è la muffa. Se la tua erba ammuffisce durante il processo di essiccazione, mi dispiace ma è ufficialmente spazzatura: la muffa fumata fa infatti davvero male alla salute. Un’altra cosa importante da notare è che se hai lasciato cadere la tua erba nell’oceano o in una piscina, dovresti semplicemente buttare via lil tuo carico. So che è dura, ma fumare o consumare sale dall’oceano o prodotti chimici da una piscina non è una buona idea, fidati.

Tuttavia, se hai appena fatto cadere la tua erba in un bong o hai versato una bevanda a base d’acqua, probabilmente è ancora recuperabile usando il metodo della carta o del riso. Poiché il THC non è solubile in acqua, alcune fuoriuscite non dovrebbero influire sulla resistenza dell’erba. Dopo i nostri processi di asciugatura consigliati, il tuo bocciolo potrebbe non sembrare il più bello, ma sarà comunque utilizzabile. Quando l’erba si bagna, non stressarti. Segui questi consigli e aspetta.