Dipendenza ed astinenza da marijuana: cosa fare

21
dipendenza cannabis

Ebbene, a quanto pare quel giorno è arrivato. Il momento della verità. Ciò che ha messo noi spesso e volentieri contro i nostri genitori, zii, parenti o chiunque sapesse che facevamo utilizzo di marijuana e non condivideva la nostra scelta utilizzando lo stesso identico grido di battaglia: la cannabis è una droga e come tale porta dipendenza.

Ma sarà poi effettivamente vero…?

Beh, ho una brutta notizia per voi difensori della marijuana, miei cari. Esattamente come per l’alcool ed il fumo, esiste anche la dipendenza dalla marijuana. Di sicuro si tratta di una droga meno pericolosa della cocaina, dell’eroina o delle altre droghe pesanti, ma può assolutamente causare dipendenza.

Prima di discutere della dipendenza dalla cannabis, dobbiamo prima dare un’occhiata a cosa sia realmente la cannabis. La cannabis è una droga illegale qui in Italia (o per meglio dire, lo è se ha concentrazioni di THC superiori allo 0,2%), ma molte persone credono che dovrebbe essere legalizzata o, per lo meno, depenalizzata.

Il metodo principale di consumazione della cannabis è il fumo.Tuttavia, può anche essere preparato nel tè o aggiunto alle miscele per dolci o vaporizzato. La cannabis è anche conosciuta come marijuana, hash, erba, fumo e ganja.

La cannabis fa sentire chiunque la utilizzi rilassato e assonnato, oppure può creare una sensazione di vertigini, mentre dal punto di vista psicologico vediamo alcuni consumatori che durante la fattanza invece tendono a parlare molto e sentirsi in pace con il mondo. Contiene un ingrediente psicoattivo noto come tetraidrocannabinolo. È questo ingrediente che può anche far sentire alcuni consumatori paranoici o causare allucinazioni, nei casi più gravi.

La cannabis causa dipendenza?

Sono tantissime le persone che sostengono che la cannabis sia innocua e in nessun modo possa creare dipendenza. Tuttavia, altri, tra cui un certo numero di esperti come medici e scienziati (quindi non proprio il tizio che incontrate dal barbiere che lo ha letto in un link di Facebook), sono dell’opinione che la cannabis sia sicuramente una droga della quale una persona può diventare dipendente sia fisicamente che psicologicamente.

Non tutte le persone che fumano cannabis svilupperanno una dipendenza dalla sostanza; in effetti, il tasso di dipendenza è piuttosto basso rispetto ad altre droghe illegali, ma non si discute sul fatto che alcune persone dipendono da questa sostanza al punto in cui quest’ultima sta avendo un impatto negativo sulla propria vita. La dipendenza da cannabis è una malattia vera e concreta e con la quale molti di noi stanno lottando con ogni singolo giorno. La buona notizia è che esistono tanti, diversi modi di riuscire a superare la dipendenza da cannabis e, naturalmente, anche l’astinenza.

Come posso capire se soffro di dipendenza da marijuana?

Sebbene tantissime persone poco informate sono ancora dell’opinione che la cannabis non sia una droga a tutti gli effetti e che in quanti tale dà assuefazione, tutti coloro che sono affetti da questa problematica. Se ti preoccupa l’idea che tu possa avere una dipendenza da cannabis, devi esaminare attentamente le tue abitudini di vita circa la cannabis. Il tuo comportamento nei confronti dell’utilizzo della cannabis potrà essere un buon indicatore della tua dipendenza o meno.

Ad esempio, se si scopre di fumare regolarmente cannabis e di pensarci costantemente quando vi trovate in situazioni dove non potete fumare, in tal caso potrebbe già esserci un problema di dipendenza. Se fumare la cannabis è diventata la cosa più importante nella tua vita e ne stai fumando sempre di più per ottenere gli effetti desiderati di stordimento, allora potresti aver sviluppato una resistenza ad essa, il che si traduce in un consumo sempre più alto e sempre più vicino alla dipendenza.

La dipendenza è classificata come qualsiasi modello di comportamento che ha conseguenze negative per l’individuo. Pertanto, se la cannabis sta causando problemi nella tua vita, è diventata problematica ed è qualcosa che devi affrontare come affronteresti qualsiasi altro tipo di dipendenza. I tossicomani della cannabis tendono a mettere la droga sopra ogni altra cosa nella loro vita, sopra il lavoro, la scuola, la famiglia e gli affetti. Trascureranno le responsabilità e le relazioni con gli altri a favore dell’utilizzo della marijuana e non saranno in grado di smettere o ridurre la quantità assunta, anche se lo volessero.

È importante ricordare che, come con la maggior parte delle dipendenze, una dipendenza da cannabis non è qualcosa che avviene nel giro di 24h. Non è che al vostro primo tiro di canna volate su Instagram a scrivere nella vostra bio che siete dei 420 addicted e siete dei tossici pericolosi dai quali stare alla larga.

È una malattia progressiva e non andrà via da sola. Se sei diventato dipendente dalla cannabis, devi ottenere aiuto per superarlo.

Ma passiamo adesso al capire come effettivamente possiamo renderci conto se siamo affetti da dipendenza da cannabis.

Se non sei tu a fare uso di cannabis, sappi che può difficile per i familiari e gli amici stabilire se una persona cara è dipendente dalla cannabis a meno che non sappiano per certo che questa persona utilizzi effettivamente questo tipo di droga. Possono sospettare che il loro amico/figlio/fidanzato/parente abbia effettivamente una dipendenza, ma potrebbe non essere in grado di dire con certezza a quale sostanza è assuefatto.

In genere è più facile capire se qualcuno abusa della cannabis piuttosto che di un’altra droga a causa dell’odore caratteristico della sostanza. La cannabis produce un odore distinto e ci sono una serie di segni comportamentali a cui prestare attenzione che potrebbero confermare i tuoi sospetti. Fai attenzione a quanto segue:

  • Scarsa coordinazione.
  • Problemi di memoria.
  • Tosse costante.
  • Ansia.
  • Paranoia.
  • Occhi iniettati di sangue.
  • Reazioni lente.
  • Periodi di abbuffate (dovute alla fame chimica).

Dopo aver fatto le dovute osservazioni e dopo aver tratto le vostre conclusioni, bisognerà conseguentemente passare all’astinenza da marijuana.

Astinenza da marijuana: cos’è e come combatterla

I sintomi dell’astinenza da marijuana si verificano quando una persona che sviluppa una dipendenza dall’erba smette improvvisamente di assumerla. Le persone che usano ripetutamente certe droghe spesso ottengono sintomi da astinenza quando smettono perché il loro cervello e il loro corpo si adattano, o “si abituano”, ad assumere tale sostanza. Se la sostanza viene rimossa all’improvviso, l’utente può avvertire sintomi di astinenza fino a quando il cervello e il corpo non hanno il tempo di adattarsi al nuovo stato senza droga, un processo che normalmente si svolgerà nel corso di diversi giorni o settimane.

I sintomi dell’astinenza sono diversi a seconda della sostanza coinvolta. È stato dibattuto per diversi anni se la marijuana possa o meno causare sintomi da astinenza in chiunque ne avesse sviluppato una dipendenza, e sebbene non sempre questi ultimi occorrano, bisogna sottolineare che i sintomi dell’astinenza da marijuana esistono e si possono combattere.

L’astinenza da marijuana solitamente non causa gravi sintomi fisici come fanno altre droghe come l’alcol o gli oppioidi. Invece, i sintomi dell’stinenza da marijuana sono più spesso psicologici piuttosto che fisici. È importante sapere che anche se i sintomi di astinenza da marijuana non sono solitamente pericolosi, rappresentano comunque un disagio per chiunque smetta di fumare ed è giusto cercare aiuto o aiutare attivamente qualcuno che si trova in questa situazione.

I consumatori di marijuana pesanti che soffrono di astinenza quando smettono di usare il farmaco spesso possono provare forti stati di ansia e depressione. Gli studi hanno dimostrato che le persone affette da depressione hanno maggiori probabilità di utilizzare la marijuana e di essere dipendenti dalla droga rispetto a quelli che non ne soffrono. In questi soggetti, la sospensione della marijuana potrebbe peggiorare la loro depressione e potrebbero tornare a usarla per alleviare questo stato depressivo che già esisteva in precedenza.

I sintomi dell’astinenza

I sintomi di astinenza da marijuana sono più subdoli di quelli delle altre droghe, ma possono comunque essere molto spiacevoli. Quando e quanto a lungo una persona abusa della marijuana influenzerà il tipo e l’intensità dei sintomi da astinenza, naturalmente. L’esperienza dell’astinenza della marijuana è diversa per tutti e dura circa 5 giorni, o anche 7 o 10 in base all’intensità.

I sintomi fisici comuni dell’astinenza includono:

  • Male allo stomaco.
  • Sudorazione.
  • Tremore.
  • Febbre e brividi
  • Mal di testa.
  • Sintomi psicologici

Passando invece ai sintomi psicologici dell’astinenza da marijuana vediamo:

  • Irrequietezza.
  • Insonnia.
  • Affaticamento.
  • Appetito diminuito.
  • Irritabilità.
  • Ansia.
  • Depressione.

Come superare l’astinenza

Mentre gli utenti che si disintossicano dalla marijuana possono farlo anche da casa, alcuni preferiscono farlo con l’aiuto di un centro di disintossicazioni. I professionisti che lavorano in questi programmi possono aiutare i pazienti a riprendersi dalla dipendenza dalla marijuana nel sentirsi sicuri e a proprio agio durante il processo di astinenza. La disintossicazione professionale può anche aiutare a impedire ai pazienti di ricadere nell’utilizzo di marijuana durante questo periodo critico.

Il trattamento non termina con la disintossicazione, piuttosto, inizia dopo che la disintossicazione è stata completata con successo. Una volta che il tuo corpo è stato ripulito dalla marijuana, puoi passare al recupero totale della tua vita. Impegnarti nel trattamento che deciderai di affrontare aiuta le possibilità di recupero con successo.

Ad ogni modo, ecco dei suggerimenti per aiutarti ad affrontare l’astinenza da marijuana:

  • Se ti trovi in una situazione dove chiunque sta fumando erba, lascia semplicemente il posto e va’ altrove. Fai una breve passeggiata o vai in un posto dove ti senti al sicuro ed a tuo agio.
  • Usa le tecniche di respirazione e rilassamento per contrastare l’ansia e la frustrazione.
  • Tieniti attivo partecipando a sport o inizia ad andare in palestra.
  • Tieniti occupato. Molti consumatori di marijuana si alzano per passare il tempo, quindi trova attività coinvolgenti per evitare di pensarci.
Previous articleVaporizzatori portatili, quali sono i migliori
Next articleCannabis e chemioterapia, tutto ciò che c’è da sapere
Ok, non sono quello in foto ma arrivato a 70 anni vorrei essere più o meno così. Cappellino in testa, Joint tra le mani, Sativa e Indica nel cuore. Di che parlo su questo mio giornale online? Dei giovani, delle loro abitudini, di quali siano i loro argomenti quotidiani e topic rilevanti, cosa gli occorra davvero e come fare per ottenerlo. Provo ad aiutare i miei coetanei a reperire informazioni e a farlo nel modo giusto, dicendo cosa vogliano sentirsi dire, dando loro le risposte che cercano e farlo nel modo più sincero possibile. Perché il nome Cannatris? Ho creato un'apposita sezione sulla Marijuana, ho pensato che con un joint tra le mani "non c'è due senza tre" e che tutti i giovani, ma proprio tutti, hanno una piccola passione per la Ganja!