Diventa sempre più promettente e attivo il business legato agli alimenti a base di marijuana, questo perché viene allargato il numero dei fruitori della cannabis anche per chi non è fumatore.

Le prime risposte positive sono arrivate dall’America, dove alcuni stati hanno legalizzato la cannabis sia per uso ricreativo che per uso terapeutico, mentre molti altri hanno scelto di legalizzarla sono per un uso terapeutico. In California, stato che ha legalizzato la marijuana per entrambi gli usi, sono stati venduti alimenti e bevande contenenti marijuana per oltre 180 milioni di dollari, il 10% del totale delle vendite di cannabis dell’intero stato. Questo è quanto è emerso dalla ricerca di Arcview Market Research: le vendite di alimenti legali infusi alla marijuana hanno subito un aumento stratosferico, pari al 121% rispetto allo scorso anno anche nello stato di Washington e in Colorado. Quest’ultimo è stato il primo stato a regolamentare anche l’uso ricreativo della marijuana, da allora le vendite dei cibi a base della stessa sono quasi triplicate, da 17 milioni di dollari nel 2014 a ben 53 milioni di dollari nel 2016. Secondo le leggi statali del Colorado, una porzione di cibo non può contenere più di 10mg di THC, a prescindere dalla sua natura.

Gli effetti

Gli effetti che da un cibo legato alla Cannabis sarà diverso a seconda di quanta Cannabis sia stata usata durante la preparazione dell’alimento. A maggiore potenza di marijuana corrisponderà un effetto più forte.

Negli Stati Uniti si discute ancora sulla quantità di THC riportata sulle etichette dei prodotti alimentari a base di Cannabis e il loro reale contenuto, è stato poi deciso che una porzione non debba contenere più di 10 mg di THC.

Gli effetti sono molto diversi rispetto a quelli che vengono indotti dai cannabinoidi inalati sotto forma di fumo. Innanzitutto non vengono avvertiti con la stessa celerità e soprattutto risultano essere più intensi e prolungati.

Secondo diverse e numerose testimonianze, gli edible provocano effetti diversi a seconda della varietà di Cannabis contenuta, Sativa pura o Indica pura. Ciò è dovuto principalmente ai composti presenti all’interno delle piante e a come i cannabinoidi e gli altri principi attivi interagiscono tra di loro. Il CBD, ad esempio, ha la capacità di moderare gli effetti del THC. Anche i terpeni, o oli essenziali, influenzano le sensazioni indotte dalla marijuana ingerita. Inoltre, gli stessi composti chimici contenuti nelle piante di Cannabis interagiscono con gli altri ingredienti aggiunti nell’impasto dell’edible. Il meccanismo conosciuto come Effetto Entourage si basa proprio su questa teoria.

Ciò significa che a seconda dei composti contenuti in una specifica varietà di Cannabis, gli effetti degli edible possono essere più o meno “cerebrali” ed “energizzanti” (soprattutto se l’alimento viene fatto con varietà Sativa). Ma ovviamente per sapere come può reagire il proprio organismo bisogna sperimentare. Tra le varietà della cannabis Sativa da poter usare ricordiamo:

  1. La potente Trainwreck è tecnicamente un ibrido a predominanza Sativa. Questa varietà provoca un “high” euforico e cerebrale quando viene fumata. Offre anche interessanti proprietà terapeutiche efficaci contro il dolore. Inoltre, è caratterizzata da pungenti sapori di limone e spezie, che si apprezzano anche quando viene ingerita. Grazie alle sue elevate rese produttive, è molto popolare tra i coltivatori domestici che cucinano edible di Cannabis;
  2. La White Widow è un ibrido a predominanza Sativa forse tra i più famosi di tutti i tempi. Quando viene fumato, sprigiona profonde e rinfrescanti fragranze di pino, grazie ai suoi aromi e sapori speziati. Ovviamente, questo profilo aromatico influenza direttamente anche i sapori di un edible fatto in casa. Si tratta di una pianta facile da coltivare e molto produttiva, un’altra varietà molto apprezzata dai coltivatori che cucinano alimenti a base di Cannabis.

Per quanto riguarda le varietà Indica, queste tendono ad “appesantire” maggiormente rispetto alle Sativa. Il classico effetto da “blocco-divano” viene spesso associato a queste varietà di marijuana. Inoltre, la loro composizione tende ad essere molto efficace contro il dolore, in modo particolare quando vengono mangiate. Ovviamente esistono anche gli ibridi contenenti parte di genetica Sativa. Queste varietà tendono ad avere un alto contenuto di CBD che ha la capacità di ammortizzare gli effetti del THC.

Ricordiamo tra esse:

  1. La Bubba Kush è un ibrido autofiorente a predominanza Indica con un alto contenuto di THC. Ciò lo rende particolarmente adatto per coloro che cercano sollievo dal dolore o un aiuto per conciliare il sonno. L’elevata produzione di resina di questa pianta è sinonimo di alte concentrazioni di oli essenziali nelle cime. I cuochi che saranno capaci di estrarre correttamente questi composti potranno ottenere potenti cannabutter con cui elaborare deliziosi piatti;
  2. La Skywalker cresce e fiorisce in tempi ridotti ed è molto apprezzata dai cuochi di edible. Attenzione però, tende ad avere odori molto pungenti. In una coltivazione indoor, questa pianta al 90% Indica si fa sentire a metri di distanza. Provoca effetti molto potenti e rilassanti che allontanano dolori e preoccupazioni. Aggiunta negli edible, questa pianta diventa la compagna ideale con cui conciliare sonni profondi.

Il parere degli chef

Gli chef lavorano con i coltivatori di marijuana per iniziare a combinare sapori, e ciò sta spingendo i professionisti a sviluppare gli aromi distintivi e sapori per differenziare se stessi in un mercato affollato dalla vendita dei produttori di erba a basso costo. Molti chef, tra cui Corey Buck capo chef presso il ristorante Blackbelly, ristorante che offre un servizio a base di cannabis, è proprio il forte legame che stringono con gli agricoltori a rendere un cavallo vincente l’unione tra la cannabis e il cibo. Gli chef e gli agricoltori si riuniscono e parlano a lungo delle proprietà dei ceppi, delle loro proprietà e cercano di capire il modo migliore per esaltarle con il cibo.

Molti sono convinti che, per quanto adesso una cena a base di cannabis non sia considerata una cena di lusso, a breve lo diventerà. Questo perché anche la cannabis presenta molteplici varietà, alcune molto pregiate, che esaltate con i giusti abbinamenti saranno degne del nome “cena di lusso”.

L’uso di cannabis risale all’età della pietra, le fibre di canapa sono state rinvenute fino a 10.000 anni fa e nella Germania medievale e in Italia, la canapa era un ingrediente comune in ricette come torte e zuppe.Oltre ad avere un sacco di usi, la canapa è anche generosa con l’ecosistema. Richiede pochi o nessun pesticida per la coltivazione, mentre altre colture come il cotone, per esempio, sono quelle più pesantemente spruzzate di pesticidi nel mondo.

La canapa riempie anche il suolo con sostanze nutritive, controlla l’erosione e produce ossigeno. Allo stesso modo che la canapa è un vantaggio per l’ambiente, l’alimentazione con questo prodotto è un beneficio per la nostra salute.

Anche se le foglie della pianta di canapa possono essere mangiate, la parte del più noto valore nutrizionale è il seme.

Questi semi piccoli sono altamente nutrienti, contengono acidi grassi essenziali, aminoacidi e minerali.

Circa un terzo del peso del seme è costituito da olio, e la maggior parte del suo olio è una varietà molto sana: ALA (acido alfa-linolenico, un tipo di omega-3 grassi) e acido linoleico. Questi (EFA) possono beneficiare alla salute in molti modi. I semi di canapa contengono anche proteine complete di alta qualità e otto amminoacidi essenziali.

I benefici di questa pianta sono impressionanti grazie ad un numero crescente di prodotti alimentari. I semi di canapa e l’olio hanno un sapore unico simile alla nocciola ed ai semi di lino.

Continua l’espansione di vari prodotti alimentari di canapa, quali muesli, barrette energetiche, proteine in polvere, biscotti, latte di canapa, tofu di canapa o burro di canapa, che sono già disponibili in questi giorni, di solito nei negozi di alimentari naturali o online.

Quali prodotti alimentari a base di canapa esistono

I semi di canapa  possono essere consumati crudi, aggiunti a frullati, cereali o altre ricette, e sono utilizzati nei prodotti da forno come muffin, pane e muesli. Si possono trovare semi di canapa sgusciati. Poiché contengono grassi soprattutto insaturi, i semi di canapa devono essere conservati al riparo dalla luce e dal calore, preferibilmente in frigorifero.

L’olio di canapa è utilizzato principalmente come un supplemento ed ha un forte sapore di nocciola. È nutrizionalmente superiore sia all’olio di lino e d’oliva e può essere utilizzato in condimenti per insalate, frullati e altre ricette, ma non dovrebbe essere riscaldato o cotto. Al momento dell’acquisto, cercate però una varietà biologica, olio spremuto a freddo, come il freddo olio di canapa pressato, e sempre conservate l’olio di canapa in bottiglie scure in frigorifero per mantenere la sua stabilità chimica e la freschezza.

Il latte di canapa è un’alternativa senza latte al latte che è ampiamente disponibile in negozi di alimenti naturali, ed è disponibile in gusti (naturale), vaniglia, cioccolato o originale.

Il muesli è una prima colazione gustosa e nutriente. Ha un sapore di nocciola, una consistenza croccante e un buon nutrimento grazie alla canapa: omega-3 e 6, più fibre e proteine.

Proteine di canapa in polvere per fare un pasto veloce in marcia alta in proteine. Basta aggiungere un cucchiaio al tuo frullato, o mescolarlo con succo di frutta, latte, yogurt o altri liquidi. Si può trovare nelle sezioni di proteine vegetali specializzata. A differenza dei semi di canapa interi e oli, la proteina è stata isolata, in modo che queste polveri siano esenti da grasso.

Il burro di semi può essere usato come il burro di arachidi, su crackers o pane tostato; usatelo per sostituire in una ricetta il burro. E’ anche una ricca fonte di acidi grassi sani e proteine. Non ha additivi, agitate per mescolare l’olio e conservatelo in frigorifero per prolungare la sua vita e prevenire la separazione dell’olio.

Gli spuntini e cracker in canapa sono un antipasto da mangiare da soli, ma possono anche essere aggiunti o miscelati con cereali o insalate.

E per finire un bel calice di vino!

Negli ultimi anni ha riscosso parecchio successo il CannaWine, un vino arricchitto di CBD  prodotto da uve e Macabeu Grenache. Esiste sia nella variante rosso che bianco, arricchiti entrambi da 50 mg di estratto di CBD.

Cannawine ha goduto della collaborazione di VITROVIT , una società con sede a Barcellona e fondata da Josep María Funtané , che dopo aver superato i trattamenti contro il cancro del colon a base di CBD ed autorizzato presso l’Università di conoscenze di Barcellona, decide di fondare questa azienda al fine di rendere disponibili al pubblico alcuni dei prodotti realizzati.

Il vitigno Grenache è strettamente correlato con l’ uva Grenache, non troppo grande, ma con grappoli molto compatti, con medie bacche, formato rotondo e un giallo paglierino. Si tratta di una varietà tradizionalmente usata da sola o in miscela con altre uve, come Macabeo, Parellada o vino moscato di grande corpo e giallo paglierino, sempre con aromi floreali e fruttati caratteristici e piacevoli.

L’uva Macabeo è nel frattempo una varietà molto comune nella produzione di vini bianchi di La Rioja o la produzione di spumante in Catalogna.

E’ una pianta ad alte prestazioni con cluster di grandi dimensioni e compatta, con grandi bacche, buccia sottile e colore dorato. Anche nota come Viura, il brodo produce un aroma delicato e paglia verde, con aromi che ricordano l’uva Palomino ma con più colore del corpo e toni gialli.

Di per sé, queste due varietà fanno un vino eccezionale.

Il CBD ha molte proprietà medicinali ed è molto utile per il trattamento del dolore, processi infiammatori muscolo-scheletriche, alleviare l’ansia, convulsioni, vomito e nausea, insonnia, fibromialgia, malattie infiammatorie croniche intestinali.

Il Cannawine Bianco è un vino giovane, che è stato progettato per essere consumato freddo, ideale per gustare uno spuntino o un pasto, sempre meglio con buona compagnia. La gradazione alcolica è piuttosto alta, ben 14.5 gradi.