La marijuana può causare il mal di testa?

0
86
mal di testa

Ok, come ben sapete la cannabis è un noto antidolorifico e tra i suoi benefici vi è anche quello sempre utilissimo di far passare l’emicrania o la cefalea, più in generale.

Quindi sì, ci sono benefici apparentemente infiniti per la cannabis, ma pensate mai se ci sono effetti collaterali?

Attenti, non sono qui a dire che l’erba fa schifo ed è dannosa per la salute. Sono abbastanza lontano dal poter affermare ciò. Nonostante ciò, posso dire che alcuni dicono che l’erba dà loro spesso e volentieri il mal di testa, e altri dicono che consumarne troppo dà loro gli stessi sintomi dei postumi di una sbornia. Quindi direi che vale la pena indagare un po’ di più su questo argomento e capire effettivamente a cosa è dovuto tutto questo e se esistono modi per arginare la situazione.

Cosa della cannabis può causare il mal di testa?

Se fumare, svapare o mangiare erba ti dà un mal di testa tremendo, potrebbero esserci diverse cause di fondo. Non ci sorprende che la ricerca su questo argomento sia scarsa, per non dire insufficiente.

La maggior parte degli articoli che trattano di questo tipo mal di testa, infatti, citano questo fantomatico studio del 1985, ma l’erba presa in esame aveva solo il 2,9% di THC e il gruppo di soggetti era molto piccolo, composto solo da 13 uomini, rendendo i risultatipiù che irrilevanti oggi, in un’epoca in cui la maggior parte delle piante di cannabis ha il 15% di THC o più. Tuttavia, oltre 30 anni fa, questi ricercatori hanno scoperto che la cannabis può produrre alcuni “effetti collaterali”, ma la causa precisa dei mal di testa non era al centro dello studio.

E se fosse la disidratazione a causare il mal di testa?

Sì. Anche se non esiste una ricerca vera e propria che dimostri che la cannabis causi disidratazione. Sappiamo tutti che la cannabis può causare secchezza delle fauci, a volte nota come bocca impastata, ma non è in realtà causata dalla disidratazione. Gli studi dimostrano che la bocca impastata è data dal risultato del THC che si lega alle ghiandole in bocca quando viene inalato. Queste ghiandole sono conosciute come ghiandole sottomandibolari e sono responsabili della produzione di saliva. Quando ciò accade, la produzione di saliva viene temporaneamente interrotta, causando secchezza delle fauci. Questo è importante sapere come molti possono pensare che avere la bocca impastata è un segno di disidratazione e quindi il loro mal di testa, quando in realtà stanno vivendo semplicemente questa sensazione di secchezza della bocca e disidratazione, ma uno non sta causando l’altro.

Nonostante questa distinzione, la causa di molti mal di testa, in generale, è la disidratazione, anche tra i non consumatori cannabis. Pertanto, è molto probabile che i mal di testa siano spesso solo mal di testa da disidratazione che si verificano nello stesso periodo in cui viene consumata la cannabis. Pertanto, è sempre importante bere acqua a sufficienza, passo cruciale per poter continuare a fumare in tranquillità. Potresti anche provare l’acqua a base di CBD per rimanere idratato e medicato allo stesso tempo.

L’erba del mercato nero potrebbe causare mal di testa

Anche se non tutti hanno una scelta su dove acquistare la cannabis, specie nei paesi dove la cannabis non è stata legalizzata, tutti coloro che la comprano sul mercato nero rischiano di soffrire di mal di testa da cannabis più di quelli che acquistano l’erba dai venditori autorizzati. Questo perché l’erba legale viene testata da laboratori di terze parti che controllano cose come pesticidi, batteri e muffe. D’altro canto, l’erba del mercato nero è completamente non regolamentata e quindi vi è una maggiore probabilità che si consumino sostanze chimiche da pesticidi o muffe da tecniche di conservazione e stagionatura improprie non adatte al consumo umano.

Esistono i “postumi dell’erba”?

Un po’ controverso come argomento, lo riconosco, ma alcune persone credono di soffrire di postumi di una sbornia da erba. Detto così sembra non avere senso, ed infatti sarebbe necessaria una ricerca più aggiornata, ma consumare troppa cannabis comunque potrebbe causare i seguenti sintomi, il giorno seguente:

  • Mal di testa
  • Occhi secchi
  • Bocca impastata
  • Difficoltà di concentrazione
  • Nausea e perdita di appetito
  • Letargia e stanchezza

Francamente, rispetto ad alcuni dei postumi di sbornia di alcol peggiori che ho avuto, una sbornia da erba per me suona praticamente come una passeggiata nel parco. Ma se non puoi rischiare una sbornia, evita di consumare ceppi d’erba con livelli molto elevati di THC, specialmente se non sei un consumatore abituale di cannabis. Questi tipi di cannabis ad alte dosi sono anche noti, aneddoticamente, per causare effetti “postumi di una sbornia da erba” il giorno successivo, come il senso di spossatezza generale precedentemente descritto. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la cannabis si metabolizza più lentamente quando viene consumata e potrebbe avere effetti residui il giorno successivo.

Fortunatamente, la maggior parte dei sintomi della sbornia da erba sono facilmente curabili con il caffè e un antidolorifico da banco. O un’altra canna, eh. Giuro.

Il mal di testa d erba può anche essere causato dall’interruzione repentina dell’utilizzo dell’erba. Sebbene la cannabis sia molto meno prona a far sviluppare una dipendenza rispetto alle sigarette o l’alcool, o ancora altri tipi di droghe come la cocaina e gli oppiacei, può produrre un lieve “effetto collaterale” quando i consumatori abituali smettono di consumarla all’improvviso. I sintomi di astinenza da erba possono includere:

  • Mal di testa
  • Nausea e perdita di appetito
  • Aumento dell’ansia
  • Insonnia
  • Irrequietezza
  • Diminuzione del desiderio sessuale

Per molti che usano la cannabis medica, il privarsi dell’erba equivarrebbe in realtà nel ritorno dei sintomi che la cannabis stava aiutando ad alleviare. Dall’emicrania all’ansia, fermare il consumo di cannabis quando lo si usa quotidianamente può essere più difficile del previsto, ma sarà obbligatorio (non per sempre, eh, per un breve periodo).