Cannabis e chemioterapia, tutto ciò che c’è da sapere

29
pillole cannabis

Cari lettori, oggi ci troviamo ad affrontare un argomento che spesso abbiamo nominato ma mai trattato finora nel nostro sito, ma che è comunque di grande importanza in quanto fa parte anch’esso del mondo della cannabis: l’uso della pianta relativo alle chemioterapie.

Molti studi mostrano i benefici della cannabis per limitare gli effetti collaterali della chemioterapia.

Alcuni hanno poi dimostrato che i cannabinoidi presenti nella pianta possono anche distruggere i tumori cancerosi e aiutare le persone ad uscire dalla malattia.

Cannabis e chemio, tutto quello che bisogna sapere

La marijuana è sempre più riconosciuta per la riduzione degli effetti collaterali del trattamento del cancro.

Prima di tutto, cos’è la chemioterapia?

La chemioterapia è un trattamento per il cancro che utilizza determinati farmaci per distruggere le cellule tumorali nel corpo umano.

Esistono moltissimi farmaci per uccidere le cellule tumorali che stanno per dividersi e diffondersi.

I farmaci possono avere due ruoli: o agiscono sul centro di controllo delle cellule o interrompono i processi chimici cellulari.

Sapendo che le cellule tumorali si dividono molto più delle cellule normali, anche quelle hanno maggiori probabilità di essere danneggiate.

Sfortunatamente, durante la chemioterapia, i farmaci usati attaccano anche le cellule sane.

Eppure, la chemioterapia non funziona in diversi casi. Questo fattore sta spingendo sempre più persone a trovare altre soluzioni. Molte di loro usano estratti di olio di marijuana che contengono molto THC e CBD.

La chemioterapia è un trattamento molto pesante che causa molti effetti collaterali, come problemi di sangue, affaticamento, dolore, vomito, ecc.

La cannabis aiuta a contrastare gli effetti collaterali della chemioterapia, ed è per questo motivo che è sempre più consumata.

Come può la cannabis limitare gli effetti collaterali della chemioterapia?

Oggi molte droghe di marijuana sono disponibili per aiutare le persone con la malattia.
Talvolta, persino i cannabinoidi sintetici che aiutano a ridurre la nausea e il vomito.

Il National Cancer Institute degli Stati Uniti ha inoltre diffuso la notizia che marijuana e cannabinoidi sono stati ampiamente studiati per ridurre nausea, vomito, dolore, perdita di appetito e ansia.

È stato anche rivelato che c’è un crescente interesse per gli effetti benefici della cannabis contro i sintomi causati dai trattamenti anti-cancro.

In queste ricerche condotte negli ultimi anni si ricorda tuttavia che la marijuana è illegale, anche se alcuni stati l’hanno legalizzata.

La cannabis aiuta le persone malate a riacquistare il loro appetito. In effetti, alcuni studi su animali hanno dimostrato che i componenti della marijuana possono sviluppare il loro appetito.
Inoltre, il dolore e i problemi nervosi possono essere gestiti meglio con la cannabis.

La marijuana è quindi un buon rimedio per ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia. In futuro, studi scientifici potrebbero dimostrare che la cannabis è molto più efficace contro il cancro della stessa chemioterapia.

Come fa la cannabis ad aiutare un paziente sotto chemioterapia?

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a una grande rivoluzione nella questione della cannabis, con particolare attenzione ai suoi effetti benefici sul corpo. Infatti, è stato verificato come il THC stimoli i recettori critici che abbiamo nel corpo, CB1 e CB2, per stimolare il processo di apoptosi cellulare su cellule danneggiate. Attenzione però, qui la discussione non è focalizzata sugli effetti della cannabis sulle cellule cancerogene, ma su molti effetti della cannabis sugli effetti collaterali della chemioterapia.

Iniziamo con il sonno. Molti consumatori di cannabis provano questa sensazione di sonnolenza dopo aver fumato alcune varietà d’erba, quindi questo effetto può compensare l’insonnia causata dalla chemioterapia. Come se ciò non bastasse, con la mancanza di sonno, si possono creare neuropatie abbastanza serie, con questo metodo si proteggono così i nervi danneggiati a causa della chemio, questo tipo di neuropatie può intervenire seguendo il inibizione dell’assimilazione del magnesio.

Il sollievo fornito dalla cannabis può essere da moderato a forte, consentendo al paziente di avvicinarsi ai suoi ritmi naturali di riposo. Se il paziente non vuole fumare, può vaporizzare, prendere pillole, estratti, compresse, capsule, vari alimenti … l’importante è attivare i cannabinoidi con il calore per renderli attivi con il nostro corpo.

Non solo contro l’insonnia, anche la cannabis combatte efficacemente la perdita di appetito. Ancora una volta, questa sensazione di fame immensa è ben nota ai consumatori di cannabis. Questa sensazione è dovuta al rilassamento del muscolo simpatico, che segnalerà al cervello la disponibilità di spazio nello stomaco per permettervi di mangiare, anche se avete già mangiato poco tempo fa. Questo muscolo si ridurrà di nuovo dopo il prossimo morso se mangi, ma altrimenti il ​​segnale continuerà ad essere inviato alla sazietà. Gli endocannabinoidi del latte materno funzionano allo stesso modo su un bambino.

L’affaticamento cronico causato dalla chemio può trovare un supporto significativo con alcune varietà di cannabis sativa. Spruzzando, la cannabis entrerà nel corpo prima e l’effetto sarà esplosivo, abbastanza per aumentare la spinta e diminuire la sensazione di depressione causata dallo squilibrio ormonale dopo la chemioterapia. Questo squilibrio può manifestarsi con la caduta dei capelli, a causa dell’ossidazione del testosterone. Per quanto riguarda la cannabis, anche se può sembrare non essere in grado di aiutare o portare qualcosa di positivo, può aiutare a ritrovare una certa joie de vivre ed energia, se si consuma una Sativa con un effetto chiaro senza troppi effetti collaterali fisici. In questo caso, la cannabis contribuirà notevolmente a combattere gli effetti depressivi e faticosi di una chemio.

Va tenuto presente che la decisione di utilizzare la cannabis in combinazione con la chemioterapia deve essere strettamente personale, prima discutendone con un medico che seguirà il caso, semplicemente per verificare che la terapia non sia incompatibile con il trattamento.

È stato verificato che la chemio può abbassare i livelli delle cellule K, i linfociti e l’intero sistema immunologico, per mesi o addirittura anni dopo il trattamento. L’olio può quindi aiutare molto, sia per il trattamento principale che per il trattamento degli effetti collaterali.

L’infiammazione generale che può verificarsi in risposta al trattamento può anche essere controllata, sia con i cannabinoidi che con gli endocannabinoidi. Infatti, sono in grado di ridurre significativamente il dolore generale che può essere generato dai farmaci. Come detto prima, la cannabis protegge anche le terminazioni nervose. Questi due effetti positivi si possono trovare nella resina e nel fiore di questa pianta, ma anche nel succo delle foglie, meglio noto come “succo di cannabis crudo”. Questo succo molto potente non ha bisogno di passare attraverso il calore e può essere usato per alleviare questi sintomi.

Allora, che dire? In tempi così bui come quelli in cui una persona può doversi trovare ad affrontare il cancro, l’aiuto della cannabis può davvero essere rivoluzionario. In più, non sono stati evidenziati effetti potenzialmente peggiorativi della cannabis sulla malattia in sé, ma al contrario, solo migliorativi. Con il passare degli anni magari, chissà… potremmo trovare proprio nella cannabis una cura per il cancro?

Previous articleDipendenza ed astinenza da marijuana: cosa fare
Next articleCanapa tessile: i suoi impieghi e vantaggi
Ok, non sono quello in foto ma arrivato a 70 anni vorrei essere più o meno così. Cappellino in testa, Joint tra le mani, Sativa e Indica nel cuore. Di che parlo su questo mio giornale online? Dei giovani, delle loro abitudini, di quali siano i loro argomenti quotidiani e topic rilevanti, cosa gli occorra davvero e come fare per ottenerlo. Provo ad aiutare i miei coetanei a reperire informazioni e a farlo nel modo giusto, dicendo cosa vogliano sentirsi dire, dando loro le risposte che cercano e farlo nel modo più sincero possibile. Perché il nome Cannatris? Ho creato un'apposita sezione sulla Marijuana, ho pensato che con un joint tra le mani "non c'è due senza tre" e che tutti i giovani, ma proprio tutti, hanno una piccola passione per la Ganja!