Cannabinoidi sintetici: qual è la differenza con quelli naturali

0
97
cannabinoidi sintetici

Ok, ok. Procediamo un passo alla volta.

Probabilmente molti di voi non hanno mai sentito parlare di cannabinoidi sintetici, o molti di voi magari fumano o fanno uso di erba senza sapere di preciso di cosa si tratta quando assumiamo cannabis e cosa succede al nostro corpo ed al nostro cervello. Prima di procedere, però, è meglio spiegare cosa sono i cannabinoidi naturali per poi spiegarvi bene di che cosa stiamo parlando quando trattiamo di cannabinoidi sintetici.

Che cosa sono i cannabinoidi?

I cannabinoidi sono un gruppo di composti attivi trovati nella marijuana. La marijuana contiene molti composti chimici che creano le diverse caratteristiche della pianta. I terpeni forniscono sapori ed aromi, mentre la clorofilla nelle foglie rende la pianta verde. Fin qui ci siamo. Ma le sostanze chimiche più importanti nella marijuana sono i cannabinoidi.

I cannabinoidi sono le sostanze chimiche che conferiscono alla pianta della cannabis le sue proprietà mediche e ricreative. I cannabinoidi come il THC e il CBD interagiscono con diversi recettori del corpo per produrre un’ampia gamma di effetti, come il sentirsi fatti o l’alleviamento del dolore o degli stati di ansia e tutte quelle cose che parecchi di voi già conoscono sui nostri amici qui sopra citati. Ma cosa sono esattamente i cannabinoidi e perché sono in grado di interagire con il corpo?

Una sola pianta di marijuana produce ben 113 diversi cannabinoidi. Tra questi cannabinoidi, il THC e il CBD sono i più diffusi e i più conosciuti e studiati di tutti. Questi componenti chimici della marijuana sono prodotti e conservati all’interno dei tricomi (cristalli) della pianta. Questi tricomi donano ai fiori di marijuana il loro aspetto brillante e scintillante.

La maggior parte delle varietà di marijuana vendute oggi legalmente viene coltivata con livelli più elevati di THC. Il THC è noto per le sue proprietà psicoattive ed è la ragione per cui ti senti “fatto” dopo aver ingerito, fumato o utilizzato in generale la marijuana. Il CBD è un cannabinoide non psicoattivo e in realtà lavora per contrastare la fattanza. Il CBD in più ha anche numerosi benefici, come le proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive.

Mentre il THC e il CBD sono i cannabinoidi più conosciuti, ci sono molti altri cannabinoidi nella marijuana che offrono benefici per la salute. Alcuni di questi includono cannabigerolo (CBG), cannabinolo (CBN) e cannabichromene (CBC).

Quindi cos’è il THC?

Il THC è il composto che, come abbiamo più spesso ripetuto, viene di norma associato alla marijuana per scopi ricreativi. È uno dei cannabinoidi più diffusi e presenti nella pianta, talvolta presente anche fino a concentrazioni che arrivano al 30%.

Il THC è la componente psicoattiva della marijuana che contribuisce al senso di fattanza che si ha quando si utilizza cannabis. Si lega ai recettori CB1 nel cervello. La fattanza della marijuana data dal THC porta a sensazioni come aumento della fame, sensi alterati, rilassatezza o euforia ma oltre ad essere l'”ingrediente” psicoattivo della marijuana, ha anche molti altri effetti. Infatti uno dei suoi benefici più noti è quello di riuscire a placare la nausea ed il vomito ed anche i mal di testa ed i dolori articolari.

Gli effetti collaterali del THC però ci sono ed includono sintomi come aumento della frequenza cardiaca, occhi iniettati di sangue, secchezza della bocca e vertigini ed un generale senso di spossatezza. Disturbi cognitivi da THC, invece, possono includere diminuzione della memoria a breve termine e soglia dell’attenzione più bassa. Altri effetti più gravi del THC includono attacchi di panico, allucinazioni e vomito, specie se associati con l’alcool, ma questi effetti sono rari nei veterani (gli esperti della cannabis, per dire. I non novizi, ecco) e sono più probabili che si verifichino quando se ne consumano quantità eccessive.

Ed il CBD?

Un altro cannabinoide importante è il CBD, o cannabidiolo. Il CBD ha ricevuto molta attenzione per i suoi benefici medici e la mancanza di effetti psicoattivi. Il CBD offre molti benefici per la salute, ma senza il massimo derivante dal THC. Questo perché, a differenza del THC, il CBD non si lega ai recettori CB1 nel cervello.

Ok, adesso invece passiamo a ciò che avevamo prospettato di affrontare all’inizio dell’articolo, ossia cosa siano i cannabinoidi sintetici.

Cannabinoidi sintetici: cosa sono?

I cannabinoidi sintetici sono sostanze chimiche che alterano la mente che vengono spruzzate su materiale vegetale secco e tritato, in modo che possano essere fumate o vendute come liquidi da vaporizzare e inalare in sigarette elettroniche e altri dispositivi.  Queste sostanze chimiche sono chiamate cannabinoidi perché sono simili alle sostanze chimiche presenti nella pianta di marijuana, ma non sono naturali. A causa di questa somiglianza, i cannabinoidi sintetici sono a volte definiti in modo fuorviante come “marijuana sintetica” (o “finta erba”), e sono spesso commercializzati come alternative legali e sicure a quei farmaci che in alcune parti del mondo dove l’erba è stata legalizzata vengono utilizzati. In realtà, non sono sicuri e possono influenzare il cervello in modo molto più potente della marijuana; i loro effetti reali possono essere imprevedibili e, in alcuni casi, più pericolosi o addirittura pericolosi per la vita. In Italia è molto difficile trovare cannabinoidi sintetici ma se doveste trovarvi ad andare all’estero come in Olanda o negli USA, negli Stati dove la cannabis è stata legalizzata a tutti gli effetti, allora è giusto scoprire cosa sono i cannabinoidi sintetici.

I cannabinoidi sintetici fanno parte di un gruppo di farmaci chiamati nuove sostanze psicoattive (NPS). Le NPS sono sostanze non modificate che alterano la mente e che sono state recentemente rese disponibili sul mercato estero  e sono, almeno in teoria, destinate a produrre gli stessi effetti delle droghe illegali. Alcune di queste sostanze potrebbero essere in circolazione da anni, ma sono rientrate sul mercato in forme chimiche alterate o dovute a una rinnovata popolarità.

Attenzione: spesso i prodotti a base di cannabinoidi sintetici vengono etichettati come “non destinati al consumo da parte di esseri umani”. Le etichette spesso affermano anche che contengono materiale “naturale” tratto da una varietà di piante, cosa del tutto falsa considerando che le uniche parti di questi prodotti che sono realmente naturali sono i materiali vegetali essiccati. Test chimici dimostrano che gli ingredienti attivi e che alterano la mente sono composti di cannabinoidi prodotti in laboratorio.

In che modo le persone usano cannabinoidi sintetici?

Il modo più comune per usare cannabinoidi sintetici e quello preferito dai consumatori è quello di fumare il l’erba essiccata. Gli utenti mescolano anche il materiale vegetale spruzzato con marijuana o lo preparano come infuso. Altri consumatori invece acquistano prodotti a base di cannabinoidi sintetici come liquidi da vaporizzare nelle e-sigarette.

In che modo i cannabinoidi sintetici influenzano il cervello?

I cannabinoidi sintetici agiscono sugli stessi recettori delle cellule cerebrali come il THC. Finora, ci sono stati in realtà pochi studi scientifici sugli effetti dei cannabinoidi sintetici sul cervello umano, ma i ricercatori sanno che alcuni di loro si legano più fortemente della marijuana ai recettori cellulari affetti da THC e possono produrre effetti molto più forti. Gli effetti sulla salute che ne derivano possono essere quindi davvero imprevedibili e pericolosi.

Poiché la composizione chimica di molti prodotti cannabinoidi sintetici è sconosciuta e può variare, è probabile che questi prodotti contengano sostanze che causano effetti drammaticamente diversi da quelli che il consumatore potrebbe aspettarsi portando a vivere situazioni davvero stressanti e pericolose per la salute.  Tra gli effetti psicotici dei cannabinoidi sintetici includiamo:

  • ansia estrema
  • confusione
  • paranoia
  • allucinazioni
  • sensazioni e immagini che sembrano reali anche se non lo sono

In più specifichiamo che tutte queste situazioni possono sì incorrere anche nel normale uso di cannabis naturale, ma che è un’eventualità che si presenta più spesso ed ha conseguenze più estreme quando si utilizzano cannabinoidi sintetici.