Acido cannabidiolico, cos’è

88
erba

Hai mai provato il succo crudo di cannabis? Mentre il pensiero può sembrare disgustoso per alcuni di voi, la ricerca iniziale suggerisce che i composti nella cannabis cruda hanno alcuni importanti benefici per la salute. Uno di questi composti è l’acido cannabidiolico (CBDA), un costituente comune nelle piante di cannabis fresche. Come bere una tazza di tè alla menta, la cannabis cruda ha mostrato un potenziale anti-nausea nei test sugli animali, oltre che promettente nella ricerca sul cancro e sul dolore. Mentre è troppo presto per dire quali effetti ha il cannabinoide sul corpo, ecco cosa devi sapere sui benefici della CBDA cruda.

Cos’è l’acido cannabidiolico (CBDA)?

L’acido cannabidiolico (CBDA) è un composto chimico che si trova nelle ghiandole della resina (tricomi) delle piante di cannabis crude. In questo caso, crudo significa non riscaldato e non polimerizzato. Fondamentalmente, la cannabis cruda è un fiore fresco e foglie tagliate direttamente dalla pianta. CBDA è il precursore della molecola più conosciuta,

La CBDA è il precursore della più nota molecola, il cannabidiolo (CBD). Nella cannabis fresca, si stima che il 95% del cannabinoide esista come THCA e solo il 5% come CBD.

Quando CBDA è invecchiato e riscaldato, si rompe dalla sua forma acida e nel CBD. Il processo di conversione di CBDA in CBD è chiamato decarbossilazione o decaring. Con il calore e il tempo, il gruppo acido della molecola degrada e ciò che rimane è ciò che molti chiamano CBD “attivato”.

La CBDA è più abbondante in specifici tipi di piante di cannabis. Le maggiori quantità di CBDA si trovano nei ceppi ad alto contenuto di CBD. A differenza della cannabis che causa un high psicoattivo, che contiene alti livelli di un altro cannabinoide chiamato tetraidrocannabinolo (THC), ce ne sono di difficili da trovare.

Fortunatamente, la maggior parte dei principali allevatori di semi e molti punti di accesso alla cannabis offrono ora almeno una o due varietà di CBD. Se mantenute crude, queste piante saranno ricche di CBDA. La CBDA può anche essere estratta da alcune varietà di cannabis classificate come canapa.

Né CBD né CBDA causano un effetto psicoattivo. Poco si sa della CBDA, ma è noto che il CBD fa la sua magia alleviando il dolore del corpo, alleviando l’ansia e promuovendo il buon umore.

In generale, il CBD è considerato il composto attivo e la CBDA è considerata inattiva. Tuttavia, la ricerca condotta negli ultimi cinque anni suggerisce che la CBDA potrebbe non essere così inutile come ci si aspettava.

Quali sono i vantaggi della CBDA?

Mentre gli estratti di cannabis crudi (con le dovute basse dosi di THC, in Italia) potrebbero essere disponibili attraverso una manciata di rivenditori, la maggior parte degli appassionati di cannabis crudisti ottiene la dose giornaliera di CBDA semplicemente mangiando e bevendo la pianta di cannabis. Le foglie di cannabis possono essere utilizzate nelle insalate, come contorno, o in frullati e succhi come quasi qualsiasi altro tipo di verdura ricco di sostanze nutritive.

I pazienti con condizioni più avanzate spesso amano miscelare o succhiare gemme di cannabis fresche, che contengono la maggiore concentrazione di acidi cannabinoidi. Tuttavia, quasi chiunque può cogliere i benefici dell’aggiungere quest’erba verde nutriente e cruda nelle loro diete.

Si pensa che la CBDA sia:

  • Antinfiammatoria
  • Anti-nausea
  • antiossidante
  • Antidolorifica
  • Antiproliferativa
  • Antibatterica / antimicotica

Quali condizioni rispondono alla CBDA?

Anticancerogeno

Nel 2012, i ricercatori di laboratorio hanno scoperto che CBDA ha mostrato un effetto anti-cancro positivo nel cancro al seno. La ricerca è stata condotta su cellule coltivate al di fuori del corpo, il che significa che questo risultato è considerato una prova di qualità piuttosto bassa.

Tuttavia, ripetuti esperimenti su animali e linee cellulari hanno scoperto che vari composti di cannabis hanno un potente potenziale anticancro.

Lo studio che ha esaminato la CBDA ha scoperto che l’acido ha impedito con successo la migrazione cellulare in un tipo aggressivo di cancro al seno. In parole povere, il trattamento CBDA ha impedito alle cellule del cancro al seno di viaggiare intorno al corpo, un fattore chiave per un trattamento oncologico di successo.

Un altro studio sulla linea cellulare pubblicato nel 2014 ha rilevato che, di nuovo, la CBDA ha mostrato un potenziale anticancro. Simile allo studio di cui sopra, il cannabinoide sembrava sopprimere i geni associati a metastasi, che è quando le cellule tumorali migrano verso un’altra parte del corpo. La metastasi è responsabile del 90% dei decessi per cancro al seno.

Questa prima ricerca è promettente, ma è troppo presto per dire quale effetto ha la CBDA sul cancro e se sia o meno vantaggioso per i corpi umani. Mentre le prove limitate finora sono suggestive, è tutt’altro che conclusivo. Gli studi clinici negli esseri umani sono estremamente necessari.

Disturbi psicotici e ansia

Non ci sono stati studi di alta qualità sulla CBDA per il trattamento dell’ansia e dei disturbi psicotici. Tuttavia, una casa farmaceutica americana ha prodotto un brevetto sulla CBDA come trattamento aggiuntivo per i disturbi psicotici ed il trattamento dell’ansia.

Un brevetto significa che vi sono sufficienti prove precliniche per giustificare un’ulteriore esplorazione di un farmaco farmaceutico. Il brevetto include CBDA in combinazione con altri cannabinoidi, come CBD attivato, THCV, CBC e CBG.

Nausea e vomito

Hai lo stomaco sottosopra? Un po’ di succo di cannabis cruda potrebbe aiutare. Uno studio del 2012 ha testato il potenziale anti-nausea e vomito della CBDA nei ratti e toporagni. In effetti, lo studio ha rilevato che la CBDA era più efficace del CBD attivato per alleviare i sintomi nei roditori. Il cannabinoide sembrava attivare un particolare tipo di recettore cellulare nel tronco cerebrale dei roditori.

Il recettore è chiamato recettore 5-HT1A ed è uno dei numerosi recettori della serotonina trovati sulla superficie delle cellule nell’uomo e negli animali. Mentre la neurotrasmettitore serotonina è più famosa per il suo ruolo nella depressione, può anche avere un ruolo da giocare nella nausea e nel vomito.

Lo studio ha mostrato che l’attivazione di questo recettore cellulare è aumentata dopo il trattamento con CBDA, che potrebbe essere una ragione per cui l’acido era così efficace nel fermare il vomito e il comportamento di nausea nei topi, e successivamente anche negli esseri umani!